Barcolana 51: pronte al via più di 2000 barche e 15mila velisti

Partenza prevista alle 10.30, con previsioni di poco vento. Tre i candidati alla vittoria, il Fast and Furio Sailing Team, Tempus Fugit Portopiccolo e l'equipaggio femminile Golfo di Trieste

Foto: Paola Ruggieri

Duemila le imbarcazioni iscritte alla Barcolana, provenienti dall’Australia all’Inghilterra, passando per Stati Uniti, Corea, Ucraina e Cina, tra cui quest’anno, per la prima volta molte donne, come la velista oceanica inglese Dee Caffari, l’americana Sally Barkow, la cinese Vicky Song.

Domani mattina alle 10.30, con previsioni di poco vento, oltre 15mila velisti scenderanno in mare tutti assieme nel Golfo di Trieste, lungo la stessa linea di partenza, della lunghezza record di due miglia nautiche: dal Faro della Vittoria al Castello di Miramare, i due simboli della città, protagonisti della regata più grande del mondo. “Siamo orgogliosi di Trieste e della nostra Barcolana - ha dichiarato il presidente della Società Velica di Barcola e Grignano, Mitja Gialuz - il nostro compito è quello di organizzare un evento aperto, in grado di trasmettere la passione per il mare e promuovere Trieste e il Friuli Venezia Giulia: i velisti, gli equipaggi, il pubblico, Trieste tutta è con noi in questa grande festa di mare che sa parlare di tutela dell’ambiente, di rispetto del mare, di sport e tradizione. Una grande festa che si rinnova, e che quest’anno ha innovato tanto”.

I candidati alla vittoria

Tre i candidati alla vittoria: il team defender, il Fast and Furio Sailing Team, che vede protagonisti Furio e Gabriele Benussi, Lorenzo Bressani, Alberto Bolzan, Stefano Spangaro, velisti “made in Trieste” ma noti in tutto il mondo: è il “dream team” protagonista della vittoria nel 2018, che partecipa a bordo del cento piedi Arca Fondi SGR Wild Thing, la barca che nominalmente aveva vinto l’edizione 2005 della Barcolana, completamente modificata, ora lunga 100 piedi che è all’inizio di un programma quadriennale.

Diretto concorrente è Tempus Fugit Portopiccolo: approdato in Barcolana per la prima volta lo scorso anno, con soli quattro giorni di allenamento e poche vele, è pronto e determinato alla rivincita: di proprietà dell’australiano Ludde Ingvall, lo scafo vedrà a bordo il Tempus Fugit Sailing Team con lo sloveno Mitja Kosmina al timone, Andrea Visintini, Andrea Casale, Enrico Zennaro, Antonio Masoli, Marco Furlan, pronti quindi a tentare il colpaccio un anno dopo.

Vere outsider in Barcolana51 le donne di Golfo di Trieste, equipaggio femminile capitanato da Francesca Clapcich con l’americana Sally Barkow al timone, Giulia Conti alla tattica e altre 18 veliste provenienti da sette nazioni e tre continenti: nel loro palmares contano anche otto titoli mondiali, otto Europei e nove nazionali, sette partecipazioni alla Volvo Ocean Race e sei titoli mondiali di Match Race. Gareggeranno con lo scafo da 90 piedi che vinse nel 2003 e 2004, e che in condizioni di pochissimo vento, come quelle previste domani, potrebbe davvero fare la differenza nonostante abbia dimensioni inferiori rispetto a quello degli altri candidati.

L'ultimo posto

Ma Barcolana non è solo corsa per la vittoria, è anche celebrazione della partecipazione popolare: quest’anno la Società Velica di Barcola e Grignano ha infatti simbolicamente istituito la Coppa per l’Ultimo (che non ha ancora un nome ufficiale, che deriverà da una sorta di “referendum” sui social che sta mobilitando migliaia di appassionati) per dare valore alla partecipazione e al ruolo centrale dei duemila armatori che compongono il vero spirito dell’evento. La coppa dell’ultimo è esposta accanto al Trofeo Barcolana, in piazza dell’Unità a Trieste.

Alle 14 la Barcolana è stata protagonista, come ormai tradizione, della puntata in diretta di Linea Blu: un’ora per raccontare in diretta su RAI Uno la bellezza di una città completamente votata al mare e alla vela. RAI è stata grande protagonista e supporter di Barcolana e trasmetterà domani la regata in diretta a partire dalle 9.40 su RAI 3 FVG, e dalle 10.20 su Rai Sport. Numerose anche le televisioni estere collegate all’evento, a partire dall’inglese BT Sport (Gruppo ESPN) e da Nautical Channel. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, costi e consumi

  • Aggressione a colpi di martello a Ponziana, due persone a Cattinara

  • Giovane di 15 anni confessa l'accoltellamento: l'accusa è di tentato omicidio

  • Le salme di Matteo e Pierluigi arrivate in Questura, allestita la camera ardente

  • Come arredare un monolocale sfruttando gli spazi in maniera ottimale

  • Investimento sulle strisce in viale Miramare: grave una donna

Torna su
TriestePrima è in caricamento