Cinema all'aperto “Generazioni”, con "I ragazzi stanno bene" si parla di matrimoni gay

Ultimo appuntamento mercoledì 2 settembre alle ore 21 nel Parco di San Giovanni per la rassegna di cinema all'aperto “Generazioni”, nell'ambito del festival “Teatri a Teatro 2015”, promosso e sostenuto dalla Provincia di Trieste. La rassegna, al Teatrino Franco e Franca Basaglia - Foyer Cecchelin con ingresso libero, è curata dall'associazione Casa del Cinema di Trieste.

In programma il film “I ragazzi stanno bene” di Lisa Cholodenko, commedia su una famiglia non convenzionale composta da due mamme e due adolescenti, con un super-cast formato da Annette Bening, Julianne Moore, Mark Ruffalo, Mia Wasikowska, Josh Hutcherson.
Il film sarà introdotto da Margherita Bottino (psicoterapeuta, Istituto Gestalt Trieste) e Fabiana Martini (giornalista).

Nic e Jules sono sposate e vivono in un’accogliente casetta fuori città nella California del Sud insieme ai loro figli adolescenti, Joni e Laser. Quando Joni si prepara ad andarsene per frequentare il college, il fratello quindicenne la convince a rintracciare il loro padre biologico, che  quando farà il suo ingresso nella vita dell’atipico quartetto darà vita ad un nuovo, inaspettato capitolo, in cui i legami di famiglia saranno totalmente ridefiniti.

Riguardo ad un argomento così attuale come quello dei matrimoni gay, lo sceneggiatore Stuart Blumberg ha dichiarato sul pressbook ufficiale del film che ne I ragazzi stanno bene “non c’è nessun messaggio sui matrimoni gay. Forse il film riecheggia battute bonarie del tipo “Anche i gay meritano di avere gli stessi guai degli eterosessuali...” Credo che quando Lisa ed io abbiamo cominciato a scrivere I ragazzi stanno bene pensavamo “Facciamo succedere questo e proviamo ad esplorare la storia che ne viene fuori”. Ci siamo concentrati sugli esseri umani, non sulle grandi questioni.” A proposito di quest’argomento la regista Lisa Cholodenko ha affermato: “Non mi vedo come una persona molto impegnata politicamente, anche perché ritengo che qui si parli di diritti umani. Lo so, i diritti umani sono una questione politica, ma il mio rapporto con loro e il mio contributo in questo campo sono di tipo artistico e creativo. So che qualcuno dirà “Oh, ecco una famiglia anticonformista, due madri con i loro figli”. Per me invece è piuttosto tipica. Volevamo portarla sullo schermo in un modo che non apparisse politicizzato. Si tratta solo di raccontare la storia di questa particolare famiglia”.

Il programma della rassegna cinematografica, in calendario fino al 2 settembre, è costruito come un percorso di riflessione sui rapporti e i passaggi di memoria tra generazioni, attraverso tematiche relazionali, famigliari e storiche. Dodici serate, presentate da esperti del settore, all'insegna del miglior cinema indipendente, nazionale e internazionale, con titoli prodotti nei primi anni del nuovo millennio e premiati nei maggiori festival, presentati in versione originale sottotitolata. La narrazione incrocia soggetti come la crisi economica, le nuove identità di genere, gli scontri di valori nell'istituzione scolastica; e ancora, ostilità fra popoli e clan, genitori e figli a ruoli rovesciati, rivoluzioni pacifiche ed impegno politico. Protagonisti, i giovani per età anagrafica ma anche quelli di spirito, in un caleidoscopio di atmosfere, luci, corpi, linguaggi, luoghi fisici e mentali: spazi che rappresentano la complessità di mondi che sempre si rinnovano secondo differenti prospettive, di generazione in generazione.

In caso di maltempo le proiezioni si svolgeranno all’interno del teatro.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

I più visti

  • Passeggiata gratuita alla scoperta dei grandi imprenditori nella storia di Trieste

    • dal 20 agosto 2020 al 2 settembre 2021
    • Campo San Giacomo
  • "Ero uno zombie ma sono guarita", la battaglia di Anna contro l'anoressia diventa una mostra

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 30 aprile 2021
    • Leali delle Notizie
  • Il Verdi punta sui “Giovani talenti”: sei concerti con i professionisti del domani

    • dal 30 gennaio al 18 aprile 2021
    • Telequattro
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TriestePrima è in caricamento