Cultura

Il ritorno di Gloria Campaner al Teatro Comunale di Monfalcone

22.15 - Successo di pubblico per il recital della giovane pianista di Jesolo.

Gradito ritorno sul palcoscenico del Teatro Comunale di Monfalcone della pianista jesolana Gloria Campaner (qui fotografata da Maurizio Montani). Infatti, la scorsa stagione, ha interpretato il terzo Concerto di Beethoven, assieme all’Orchestra di Padova e del Veneto.. La giovane ma affermata – a livello internazionale – pianista veneta ha proposto, nella sua esibizione, musiche composte da autori dell ‘800 e ‘900. La prima parte del programma musicale è stata dedicata a Robert Schumann (1810-1856): i tredici pezzi del “Kinderszenen” – op. 15, composizioni con le quali Schumann volle descrivere in musica la vitalità dei bambini, la loro spensieratezza; a seguire la “Humoreske” – op. 20, ove la tecnica della Campaner ha messo in evidenza come la musica del compositore tedesco rispecchi i suoi stati d’animo, a volte pacifici ed altre volte burrascosi. Nella seconda parte del concerto spazio a due musicisti russi vissuti a cavallo tr il 19° ed il 20° secolo: Sergej Rachmaninov e Aleksander Skrjabin. Di Rachmaninov (1873-1943) la Campaner ha eseguito Elégie, Prélude e Polichinelle dai “Morceaux de fantaisie” – op. 3, raccolta di complessivi 5 brani composti in gioventù, nei quali si può già apprezzare la complessità e lo stile pianistico di Rachmaninov. Il finale di concerto è stato dedicato a Skrjabin (1872-1915) con l’”Etude” op. 2 n. 1 ed il poema “Vers la flamme” op.72. Nel primo brano traspare la vicinanza alla musica di Chopin. Nel secondo brano si è potuto valutare lo stile dello Skrjabin adulto con un pezzo piuttosto complesso con un finale travolgente che il pubblico monfalconese ha gradito, tributando un lungo e convinto applauso finale. Gloria Campaner, richiamata più volte sul palcoscenico, ha regalato un fuori programma: il “Clair de Lune”, terzo movimento della “Suite bergamasque” di Claude Debussy. Ancora applausi per la giovane pianista veneta, che si congeda dal pubblico chiudendo il coperchio della tastiera, un gesto di affetto ed in un certo senso un saluto al pianoforte. L’ultimo appuntamento - e forse il più signficativo - della stagione musicale è previsto per giovedì 23 aprile alle ore 20.45 con l’esibizione di Uri Caine, pianista di livello mondiale che proporrà Callithump, improvvisazioni e variazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ritorno di Gloria Campaner al Teatro Comunale di Monfalcone
TriestePrima è in caricamento