Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cultura

Porto di Trieste e "Nuova via della seta" cinese

Lunedì 30, alle 18 alla Stazione Marittima il primo evento organizzato dal neo costituito LIMES CLUB TRIESTE con la partecipazione del Direttore di Limes Lucio Caracciolo, il Presidente dell’ Autorità Portuale Zeno D’ Agostino ed il Presidente degli spedizionieri Triestini Stefano Visintin.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

ITALIA, PORTO DI TRIESTE E SOGNO CINESE: le Nuove Vie della Seta" Lunedì 30 gennaio 2017 alle ore 18.00 presso la Stazione Marittima di Trieste, Sala Saturnia Relatori: LUCIO CARACCIOLO direttore della rivista di geopolitica Limes ZENO D'AGOSTINO presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale Interviene: STEFANO VISINTIN presidente dell'Associazione Spedizionieri del Porto di Trieste. Modera: LUCIANO LARIVERA S.I. direttore del Centro Culturale Veritas In collaborazione con la Libreria Einaudi di Trieste. INGRESSO LIBERO ************ Il tema trattato è di grande attualità come testimoniato dall'ampio spazio dato dai media alle divergenze fra i porti dell'Alto Adriatico che si candidano a essere terminal della "Nuova Via della Seta Marittima propiziata dalla Cina": ricordiamo in particolare il Corriere della Sera, che parla " addirittura di Guerra dei Porti" (vedi links sotto). Il tema dei rapporti, commerciali e non, con la Cina è ampiamente dibattuto in questi giorni in relazione sia alle posizioni del presidente statunitense eletto Donald Trump, sia all'intervento "pro-globalizzazione" del presidente cinese Xi Jimping al forum di Davos. Convegno di grande interesse, dunque, sia sul piano locale con un porto che aspira a crescere e confermarsi elemento centrale di sviluppo economico per Trieste, sia su quello internazionale. Il prossimo numero della rivista Limes, in uscita fra pochi giorni, sarà appunto dedicato alle "Nuove Vie della Seta" di Pechino di cui il Porto Franco di Trieste potrebbe diventare un cruciale terminal per l'Europa. Links Articoli del Corriere citati: https://drive.google.com/file/d/0B_fcAxYyDzfTMUpYNXkxV0dFOVU/view

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto di Trieste e "Nuova via della seta" cinese

TriestePrima è in caricamento