rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cultura

Rosso Istria, il film su Norma Cossetto al Festivàl del Cinema di Venezia

Il film narra la tragica storia della giovane, infoibata nell’ottobre del 1943

Si è tenuta venerdì 7 settembre 2018 la conferma stampa e la proiezione riservata del film “Red Land - Rosso Istria”, del regista Maximiliano Hernandk Bruno,nell’ambito della 75esima Mostra Internazionale d”Arte Cinematografica di Venezia. 
Vi hanno preso parte quasi tutti i massimi rappresentanti del mondo degli Esuli giuliano-dalmati: il Presidente della FederEsuli, Antonio Ballarin, il Presidente dell’ANVGD, Renzo Codarin, il Presidente dell’Associazione delle Comunità Istriane, David De Paoli Paulovich, il Presidente del’Associazione Fiumani Italiani nel Mondo - Libero Comune di Fiume in Esilio, Guido Brazzoduro, il Presidente dell’Associazione Italiani di Pola e Istria - Libero Comune di Pola in Esilio, Tito Sidari, il Presidente dell’Associazione Dalmati Italiani nel Mondo - Libero Comune di Zara in Esilio, Franco Luxardo, la Presidente della Mailing List Histria, Mariarita Cosliani, Davide Rossi, in rappresentanza di Arcipelago Adriatico e molti altri esponenti del mondo della nostra diaspora.

Giacomo Scotti: "La prima donna rossa istriana"

Il film

Così descrive il film Maurizio Tremul, presidente dell'unione Italiana - CNI, presente all'evento: «Il film narra la tragica storia della giovane Norma Cossetto, infoibata nell’ottobre del 1943 e quindi delle drammatiche vicende del ‘900 che hanno sconvolto le nostre terre, dove opposti nazionalismi e ideologie totalitarie contrapposte hanno segnato la nostra storia. Il film, dal forte impatto emotivo, racconta con equilibrio e senza veli gli orrori della guerra e dell’odio, delle violenze e dei soprusi. Invitato a parlare al termine della proiezione ho sottolineato proprio questo fatto, constatando come i criminali rimango tali a prescindere a quale ideologia siamo asserviti e a quale popolo appartengano».

il ruolo della storia

«La storia - continua Tremul -, tutta la storia delle nostre belle e martoriate terre, deve essere conosciuta e studiata in Slovenia, Croazia, Italia e altrove, al fine di prendere coscienza e conoscenza del male, per sviluppare gli anticorpi che lo possano combattere e per far crescere la cultura della convivenza, del dialogo interculturale, del rispetto delle altrui identità e dignità, della cross-fertilization. Per il consolidamento dei valori della Pace e della solidarietà, della democrazia e dei diritti, della libertà e dei doveri, della giustizia e della verità, della fraternità e dell’uguaglianza, dell’unità e della diversità, che veda riunite Nazioni un tempo avversarie, oggi amiche, nel comune processo di costruzione della cittadinanza europea».

Giacomo Scotti: "La prima donna rossa istriana"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rosso Istria, il film su Norma Cossetto al Festivàl del Cinema di Venezia

TriestePrima è in caricamento