Eventi

Fiordaliso, successo al Casino di Portorose: «Chi picchia una donna è una bestia» (VIDEO-INTERVISTA)

Club 100 del Casinò di Portorose gremito per l'esibizione di Fiordaliso, in occasione del 103° anniversario del Casinò. Eseguiti tutti i suoi più grandi successi del Festivalbar e di Sanremo, ma non sono mancati alcuni medley dedicati. Gran finale con l'arcinoto "Non voglio mica la luna".

Inizio con "Sognando", poi "Cosa ti farei", "Ormai", "I love you man" e "Se no avessi te".

VIDEO-INTERVISTA A FIORDALISO (l'articolo continua sotto il filmato)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spazio poi ad uno scoppiettante medley anni '80 con "Gloria" di Umberto Tozzi, "Mamma Maria" e "Sarà perché ti amo" dei Ricchi e Poveri, "Comprami" di Viola Valentino, "Gelato al cioccolato" e "Su di Noi" di Pupo, finale con Felicità di Al Bano e Romina Power.

Spazio poi ad "Accidente a te" e come detto "Non voglio mica la luna", inframezzato dal medley "Tale e Quale", talent di RaiUno cu la cantante ha preso parte per un paio di edizioni. Proposte le fortunate imitazioni di Loredana Bertè, Gianni Morandi, Rita Pavone e Aretha Franklin.

«35 anni di carriera - riferisce Fiordaliso - con tanto affetto da parte del pubblico, tante soddisfazioni, tante delusioni. Ci sono i momento in cui sei forte e i momenti invece che ti senti una "cacca"».

«L'anno scorso è uscito il nuovo lavoro discografico Frikandò - continua - è un disco interamente fatto da me. Non voglio più alcuna casa discografica che mi dica cosa e come fare. Il titolo nel mio dialetto piacentino vuol dire fritto misto. Incise ci sono tante canzoni che non centrano niente l'una con l'altra ma scelte con i cuori. Ci sono alcune cover per la prima volta mondiale cantate in italiano. Abbiamo fatto molto fatica per ottenere i permessi necessari a realizzare. Mi ha aiutato molto il paroliere, Alberto Zeppieri, che ha realizzato queste canzoni».

«Tra i brani che sto presentando - ancora Fiordaliso - c'è "Male", che parla di violenza domestica (nel video si vede una bambina che gioca a nascondino con la mamma e, mentre gioca, vede tutto quello che purtroppo succede in casa - riferisce la cantante a proposito del video). Come detto abbiamo fatto molta fatica ad ottenere i diritti per poter realizzare la cover della canzone di Bebe, abbiamo mantenuto lo stesso testo. In un anno sono state uccise 65 donne non da uomini, ma de bestie, chiedendo scusa agli animali. Le leggi ancora non ci tutelano davanti a questi esseri qui. Se un uomo confessa di aver ucciso la sua donna forse per passione, come almeno dice lui, prende solo 16 anni e magari dopo 7-8 anni è fuori per buona condotta: tutto questo non lo trovo giusto. Addirittura diversi centri anti-violenza in Italia stanno chiudendo per mancanza di fondi. Noi donne dobbiamo avere il coraggio di uscire da sole da queste situazioni».

«Vi dico ragazze, - conclude la cantante - se avete un marito violento, abbiate il coraggio di andar via, di appoggiarvi alle Istituzioni, qualcuno vi aiuterà, ma soprattutto dovrete aiutarvi voi stesse. Ricordatevi che se i figli vedono queste cose, stanno più male di voi. Se avete un compagno violento non c'è niente da fare, con lo cambierete mai».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiordaliso, successo al Casino di Portorose: «Chi picchia una donna è una bestia» (VIDEO-INTERVISTA)

TriestePrima è in caricamento