Eventi

Fvg Pride: l'evento finale sarà a Gorizia e Nova Gorica, la parata resta "in dubbio"

Se il classico corteo rimane di fatto un’incognita non lo sono gli appuntamenti culturali, divulgativi e di confronto su tematiche di sensibilizzazione verso ciò che riguarda la realtà Lgbt+, che partiranno da maggio

L’evento conclusivo del Fvg Pride si terrà a Gorizia e Nova Gorica in settembre, condizioni sanitarie permettendo. Se il classico corteo rimane di fatto un’incognita non lo sono gli appuntamenti culturali, divulgativi e di confronto su tematiche di sensibilizzazione verso ciò che riguarda la realtà Lgbt+. Gli eventi saranno online su Youtube a partire da maggio, e auspicabilmente in presenza a partire da giugno in tutti i capoluoghi del Fvg, se le norme sanitarie lo permetteranno.

Nell’odierna conferenza stampa, indetta dall’Associazione Fvg Pride, è stato ricordato che le due precedenti edizioni a Udine (2017) e a Trieste (2019) hanno radunato rispettivamente 7mila e 10mila persone. “È un momento politico e identitario della nostra comunità – spiega il presidente dell’associazione Pride Fvg Nacho Quintana Vergara -, in cui chiediamo i diritti, le garanzie e le tutele che ci vengono negate. Temi che spesso vengono ignorati perché siamo una minoranza, ma devono diventare prioritari per superare ogni disuguaglianza e in favore di una società inclusiva”.

Martina Crasso, vicepresidente della sezione Trieste – Gorizia, ha spiegato che “la parata si svolgerà auspicabilmente il quattro settembre, speriamo di riuscire a coinvolgere anche la Slovenia per un pride internazionale e concludere l’evento in piazza Transalpina, luogo che unisce le due città. Se non sarà possibile fare la parata, speriamo di riuscire a organizzare una manifestazione statica. Negli eventi culturali, invece, non parleremo solo di temi che riguardano la nostra comunità ma di tutto ciò che riguarda il nostro manifesto, che è inclusivo e abbraccia una grande varietà di argomenti”.

Quintana Vergara ha poi specificato che “la scelta di queste due città non è casuale perché lavoriamo con 12 associazioni slovene su tematiche Lgbt. Collaborazioni che nascono dal bisogno di contrastare gli isolamenti sorti dalle chiusure politiche di questi anni, sfociate in deliri come l’idea di costruire un muro tra i paesi. Noi vogliamo affermare la cooperazione e l’amicizia e portare la questione dei diritti nell’ambito di "Nova Gorica capitale della Cultura 2025". Inoltre ci legano a Gorizia alcune attività a noi care, come le prime commissioni per la protezione internazionale dei migranti Lgbt, l’esperimento della sezione gay del carcere di Gorizia e la clinica di prevenzione per le malattie sessualmente trasmesse del capoluogo isontino che è centro di eccellenza e punto di riferimento per un’accoglienza non giudicante verso coloro che fanno parte della nostra comunità”.

Partirà oggi stesso la campagna per i patrocini alla manifestazione, che sarà inviata ai comuni del Fvg e alle Università. Tema che l’anno scorso ha infiammato le cronache cittadine e regionali per alcune prese di posizione della politica regionale e cittadina, infatti il patrocinio nel 2019 non era stato concesso né dal Comune né dalla Regione, e dal 2017 al 2019 i fondi per questa manifestazione sono sensibilmente calati.

“A differenza di altri grandi Pride – ha dichiarato Yuki Gaudiuso, vicepresidente area Udine – non abbiamo fini di lucro e operiamo a titolo volontario. Non chiederemo sponsorizzazioni alle grandi aziende ma ci affideremo alle istituzioni, agli atenei (che consideriamo garanti visto il valore culturale e teorico dei nostri eventi), privati cittadini e piccoli esercizi. Il nostro modo di pensare è focalizzato principalmente sulle persone e gli individui”.

Tra i prossimi interventi ricordiamo il primo, l’11 maggio alle 18, sul linguaggio inclusivo, il 13 maggio un altro appuntamento sulla delicata tematica delle donne transessuali nello sport e il 17 maggio, nei quattro capoluoghi del Fvg, ci saranno degli stand in occasione della giornata mondiale contro l’omolesbobitransfobia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fvg Pride: l'evento finale sarà a Gorizia e Nova Gorica, la parata resta "in dubbio"

TriestePrima è in caricamento