“Le infezioni sessualmente trasmissibili. Conoscerle, prevenirle, trattarle” il convegno al Revoltella

Il convegno “Le infezioni sessualmente trasmissibili. Conoscerle, prevenirle, trattarle”, coorganizzato dall’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Trieste - in programma sabato 3 ottobre, alle ore 9, all’Auditorium del Museo Revoltella - è stato presentato stamane in Municipio dall’assessore alle P.O. e Giovani, Francesca De Santis con l’organizzatrice Maria Luisa Devescovi e alcuni dei relatori: il ginecologo Francesco De Seta, la microbiologa Manola Comar, e la psicologa Monica Fronzoni.

“L’appuntamento all’Auditorium (limitato a 50 posti), che sarà trasmesso in diretta streaming dal Comune di Trieste in modo da far sì che più persone possibili possano conoscere un tema molto importante per fare prevenzione ai giovani - ha rimarcato l’assessore De Santis - segue il percorso già intrapreso l’anno scorso che verteva sulla ‘violenza di rete’ e poi anche sulla prevenzione del tumore al seno. Il tema scelto quest’anno ha proprio l’obiettivo di far capire che è un bene essere informati per prevenire queste patologie con atteggiamenti consapevoli”.

“Si tratta di un percorso completo – ha spiegato Devescovi – che nel convegno affronterà, con l’intervento di esperti e di rappresentanti dei giovani, il tema poco conosciuto delle infezioni sessualmente trasmesse, come conoscerle, prevenirle e trattarle, dal punto di vista ginecologico, dell’ostetricia, della microbiologia e in ambito psicologico. I giovani in particolare possono prendere più facilmente una IST per svariati motivi. Il dubbio, la vergogna e la paura di aver contratto la malattia, da cui si guarisce, porta molte volte il giovane ad informarsi su internet, sui social e chat che sono in genere poco precisi pertanto non sanno con chi parlarne senza essere giudicati. Nel dibattito che si creerà con i giovani si vuole proprio spiegare, è stato detto, con un linguaggio diretto e semplice come capire se si è contratta una IST, quali rischi si corrono e quali regole seguire con poche regole. Soprattutto è importante dare origine a un ‘ponte di coniugazione’ e comunicativo tra mondo medico, giovani e genitori. Non è un argomento tabù, ma va trattato quotidianamente. Dallo scorso anno l’Ospedale infantile Burlo Garofolo ha partecipato al progetto biennale accanto ad altre otto regioni italiane, puntando sulla formazione e l’informazione. Un documento di valenza nazionale che sottolinea la rilevanza di rendere edotti i giovani su tutti questi aspetti conoscitivi.

Al convegno, che sarà introdotto dall’assessore Francesca De Santis, interverranno in qualità di relatori l’infettivologo prof. Roberto Luzzati, il ginecologo Francesco De Seta, i microbiologi Cristina Lapucci e Manola Comar, l’ostetrica Chiara Menegalli e la psicologa Monica Fronzoni. Al dibattito parteciperanno gli studenti Anna De Seta e Matteo Devescovi.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Passeggiata gratuita alla scoperta dei grandi imprenditori nella storia di Trieste

    • dal 20 agosto 2020 al 2 settembre 2021
    • Campo San Giacomo
  • Cinque artisti raccontano la "Bora chiara"

    • dal 10 settembre al 30 ottobre 2020
  • Sapori del Carso, torna la kermesse dedicata al territorio con un'edizione dedicata ai grani antichi

    • dal 16 ottobre al 1 novembre 2020
  • La personale della pittrice Gianna Lampe: 40 anni di colori tra Trieste e la Baviera

    • Gratis
    • dal 13 al 31 ottobre 2020
    • Saletta Hammerle Editori
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    TriestePrima è in caricamento