Al Revoltella tornano le mattinate musicali internazionali

Pianoforte e orchestra Nuova Orchestra Ferruccio BusoniMassimo Belli direttore Sandro De Palma pianoforte Concerto dedicato ad Aldo Belli

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Domenica 3 novembre, alle ore 11.00, presso l’Auditorium “Marco Sofianopulo” del Museo Revoltella di Trieste, si terrà il terzo appuntamento della rassegna concertistica Mattinate Musicali Internazionali dal titolo “Pianoforte e orchestra”, concerto dedicato ad Aldo Belli, fondatore dell’Orchestra Busoni. La mattinata, organizzata in collaborazione con l’Associazione Clementi, avrà come protagonisti l’Orchestra da camera Ferruccio Busoni, diretta dal Maestro Massimo Belli con il pianista Sandro De Palma, considerato uno dei massimi pianisti italiani e definito da Guido Zaccagnini "uno degli interpreti più interessanti del panorama europeo" .

Il programma, che è stato recentemente presentato dall'orchestra Busoni con De Palma al concerto inaugurale della Stagione Concertistica dell'Università della Tuscia a Viterbo, nell'ambito del Festival I Bemolli sono Blu, ottenendo un grande successo, spazierà dalla musica mozartiana del periodo classico, con il Concerto per pianoforte e orchestra in La Maggiore KV 414, a quella contemporanea di Philip Glass, compositore statunitense, considerato uno dei maggiori esponenti del minimalismo musicale, autore che si è dedicato anche alla composizione di musica per il cinema componendo le colonne sono di films indimenticabili come The Truman Show (1998), The Hours e l'illusionista (Neil Burger, 2006).

La colonna sonora di Diario di uno scandalo (2007) ha ricevuto la nomination all'Oscar. Di Philip Glass, verrà eseguito il bellissimo Tirol Concerto per pianoforte e archi, uno degli otto che compongono The Concerto Project di Philip Glass, scritto dal compositore nel 2000, per la Stuttgart Chamber Orchestra, su commissione del Festival Klangspuren di Stoccarda. Nato a Napoli, Sandro de Palma si è formato alla scuola di Vincenzo Vitale e in seguito con Nikita Magaloff e Alice Kezeradze-Pogorelich. Dopo il debutto all’età di nove anni con un programma di musiche di Bach, Chopin e Schubert ha ottenuto ben presto dei prestigiosi riconoscimenti, come il primo premio al Concorso Internazionale “Alfredo Casella” di Napoli e due anni dopo, il primo premio della “Fondazione Bruce Hungerford” di New York.

La sua attività concertistica nazionale e internazionale è molto ricca. Tra le tappe più significative della sua carriera, da segnalare l’esecuzione integrale degli studi di Chopin al Festival Internazionale “Arturo Benedetti Michelangeli” e il debutto alla Wigmore Hall di Londra con i 24 Studi di Chopin. Su invito di Juri Temirkanov, nel 2000, ha eseguito con la Filarmonica di S.Pietroburgo il Concerto n.1 di Franz Liszt e nel 2001, insieme ad Andrea Bocelli e Ilia Kim, ha realizzato sotto la direzione di Donato Renzetti la prima esecuzione di “Malinconia ninfa gentile”per canto, due pianoforti concertanti e orchestra d’archi di Azio Corghi. Con il Quartetto Amarcorde ha suonato alla Filarmonica di Berlino e in altre prestigiose sale da concerto come il Musikverein di Vienna dove nel 2010, ha riscosso un grande successo con l’esecuzione del Secondo Concerto di Brahms.

Le Mattinate sono nate nel 2001 da un’idea del compositore triestino Marco Sofianopulo e di Massimo Belli e sono organizzate dalla Nuova Orchestra da camera “Ferruccio Busoni” in collaborazione con il Civico Museo Revoltella Galleria d’arte moderna, il Comune di Trieste, l’Assessorato alla Cultura della Regione Friuli Venezia Giulia, la Fondazione Benefica Kathleen Foreman Casali e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Grazie all’azienda vinicola Azienda vinicola Ronchi di Cialla di Prepotto (UD), dopo il concerto seguirà un piacevole brindisi tra il pubblico e gli artisti. Vi invitiamo a consultare il sito dell'orchestra "Ferruccio Busoni" www.orchestrabusoni.it la pagina facebook e quello del Museo Revoltella, www.museorevoltella.it per maggiori informazioni.

Torna su
TriestePrima è in caricamento