Lunedì, 20 Settembre 2021
Eventi

Maurizio Vandelli a Nova Gorica: «Tv in crisi? Poche idee e zero soldi»

15.41 - Nell’intervista il cantante a 360° tra musica, tv e Sanremo

Grande successo al Casinò Perla di Nova Gorica per il concerto di Maurizio Vandelli, storico front-man dell’Equipe 84 con l’Arena dei concerti stracolma di gente in ogni ordine e grado.

Prima del concerto abbiamo incontrato il cantante che ci spiega come: «Il mio concerto stasera durerà circa un’oretta e saranno presenti soprattutto i grandi successi dell’ Equipe come "Un angelo blu",  "Tutta mia la città",  "Bang bang", “Io ho in mente te" (con cui ha concluso il concerto tra gli applausi scroscianti dei presenti) ma grande attenzione sarà anche attribuita a Lucio Battisti, che insieme a Mogol ha scritto per l’Equipe 84 il capolavoro “29 Settembre” (oltre 500 mila le copie venduto dal relativo 45 giri); inoltre proporrò un suo medley di due canzoni che mi stanno particolarmente a cuore come “Mi ritorni in mente” (con cui ha aperto l’esibizione), ”Il Vento dell’est” e “Io vorrei... non vorrei... ma se vuoi”, spazio anche a “Un’avventura” e” I giardini di Marzo”, ”La canzone del sole” canzoni conosciutissime dal grande pubblico, con cui interagirò anche durante il concerto facendolo cantare». 

«I “Lucio” hanno rivestito un ruolo significativo nella mia carriera –  continua Maurizio – perché, oltre Battisti, anche (Lucio) Dalla ha lasciato una impronta non indifferente. Infatti, anche durante il concerto non mancherà un altro capolavoro immortale dell’Equipe “4 marzo 1943”, portata a Sanremo proprio in coppia col defunto cantante bolognese, con cui poi ci siamo piazzati terzi».

Vandelli passa poi ad un’analisi del Sanremo attuale che per come è strutturato «non ha alcun senso. Grande importanza viene data ai conduttori, alle vallette, agli ospiti, alle scenografie, allo spettacolo con le canzoni che rivestono anno dopo anno sempre meno spazio ed importanza, snaturando quindi il motivo principale per cui la rassegna canora era nata».

Infine, parlando di tv il cantante ci spiega come «la tv di ora non è capace di rinnovarsi, di proporre nuove idee, numerosissimi i reality show, in particolar modo quelli musicali. A proposito, io farei volentieri il giudice, intransigente e severo, in realtà già propostomi in passato».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maurizio Vandelli a Nova Gorica: «Tv in crisi? Poche idee e zero soldi»

TriestePrima è in caricamento