Mostra fotografica di Matija Tomc a Trieste

La galleria d’arte Atelier Home Gallery cura per gli spazi del risorante Bracerie Venete una mostra raffinata, ironica e contemporanea dedicata alla moda.

Si inaugura questo giovedì 1 dicembre a Trieste, con un aperitivo inaugurale, la prima mostra personale in Italia del fotografo di moda sloveno Matija Tomc, a cura di Matilde Tiriticco dell’Atelier Home Gallery, per gli spazi del ristorante Bracere Venete. La mostra porta all’attenzione del pubblico una selezione di scatti che il fotografo sloveno, in bilico tra arte e fashion, ha realizzato negli ultimi due anni in Slovenia, Francia ed Italia, e che hanno trovato spazio nelle testate di Elle e Vogue Italia.

I soggetti sono giovani donne che dialogano con lo spazio in cui si calano e si collocano all’interno di vere e proprie storie, di situazioni narrative in cui l’osservatore può incontrare le ombre di altri gesti e altri personaggi. Personaggi pieni di ironia che indossano le vestigia della bellezza senza compiacimento alcuno, spiriti liberi che rispecchiano lo stile e il concetto di far arte del fotografo stesso. I 13 scatti in mostra presso gli spazi di Via Madonnina, presentanto un ampio ventaglio di tipi e situazioni accuratamente raccontate dall’obiettivo di Tomc: su queste spicca il ritratto della ragazza affamata di “junk food” di “Dragon Style Z”, intenta a sotterrare il proprio dispiacere con cibo e vestiti in seguito alla disillusione causata dalla scoperta della mancata esistenza delle «sfere del drago»; a seguire, svettano nobili e austeri i volti e i mezzi busti della serie “ritratti alpini”, immortalati nell’incantevole slovena location di Bled, che l’allestimento della curatrice affianca allo scatto singolo “Trashy Juliet” all’Opera di Lubiana.

Stampe a volte ridotte, a volte estese fino a dimensioni oltre il metro e per lo più accompagnate da cornici dorate antiche, presentano la bellezza della donna nella sua semplicità, smontandone finzione e caricature proprie delle pose da copertina. «La fotografia di Matija Tomc, infatti – precisa Matilde Tiriticco -, si avvicina nella sua sensibilità del divenire e nella sua profonda ironia a fotografi come Juergen Teller e Terry Richardson che, attraverso l’utilizzo del flash, immortalano le forme e i colori nel limite temporale di un istante. Senza veli né strutture, la fotografia dell’artista sloveno si cala all’interno del bisogno di anticonvenzionalità che la moda degli anni 90 rappresentava nelle sfilate, portando alla dissoluzione del culto del brand e all’esaltazione di uno stile libero, composito e specchio della propria personalità».

Nelle foto esposte nella personale di Tomc, ci si imbatte nel realismo presente nel glamour, in una valorizzazione della quotidianità per cui il semplice fatto di fotografare qualcosa gli conferisce diversa dignità. Qui il gesto fotografico diventa in grado di ristrutturare il reale, mutandone il significato e operando un intervento di rivitalizzazione estetica: immagini senza ritocco con Photoshop o interventi veramente minimali lasciano i soggetti raccontare la verità della pelle e dello stile, secondo la scuola o sensibilità dello “snapshot” che ci dà la sensazione di osservare storie intime e inesponibili.

«Foto costruite ad arte per sembrare dinamice, fluide, naturali. Una finzione magica libera da costrizioni e aspettative che comunica direttamente con l’osservatore senza far pesare la presenza del medium della stampa o del fotografo stesso».

L’artista

Matija Tomc (Slovenia) inizia a fotografare professionalmente nel 2013, dopo aver condotto studi in project business e aver lavorato per tredici anni come business manager nel settore edile. Attualmente lavora come fotografo di moda per Adria Media (rivista Story & ELLE Slovenija), che copre reportage presso gli editoriali di moda. E' stato selezionato come uno degli otto miglior fotografi dal photo editor Alessia Gaviano di Vogue Italia, portando i suoi scatti ad esser pubblicati sull'omonima e prestigiosa rivista

Negli ultimi anni Matija ha preso parte a diverse mostre di moda e d’arte slovene (come la progettazione e l’organizzazione dell’installazione d'arte visiva con effetto 3D per la Fashion Week Slovenia), fra cui ci fa piacere sottolineare la mostra personale presso la National University Library di Lubiana.

La galleria d’arte Atelier Home Gallery

L’Atelier Home Gallery di Matilde Tiriticco organizza mostre e happenings presso la dimora d’epoca degli artisti Roberto del Frate e Roberta de Jorio spazi, oltre a lezioni di pittura, conversazioni intorno alla psicanalisi, eventi musicali, proiezioni di film e video, presentazioni e reading di libri ed eventi legati alla cultura enogastronomica.

www.atelierhomegallery.org

MOSTRA PERSONALE DI MATIJA TOMC

Giovedì 1 dicembre 2016, ore 19:00 presso Bracerie Venete - Trieste | Via Madonnina 5, Trieste

www.bracerievenete.com/trieste/

In mostra dal 1 dicembre al 10 febbraio 2017 Visitabile negli orari: da mercoledì a lunedì - 17.00-24.00

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Passeggiata gratuita alla scoperta dei grandi imprenditori nella storia di Trieste

    • dal 20 agosto 2020 al 2 settembre 2021
    • Campo San Giacomo
  • "Ero uno zombie ma sono guarita", la battaglia di Anna contro l'anoressia diventa una mostra

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 30 aprile 2021
    • Leali delle Notizie
  • Il Verdi punta sui “Giovani talenti”: sei concerti con i professionisti del domani

    • dal 30 gennaio al 18 aprile 2021
    • Telequattro
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TriestePrima è in caricamento