Domenica, 14 Luglio 2024
La mostra

Hausbrandt celebra i suoi 130 anni di storia con una mostra

Presentata al Salone degli Incanti l'evento/kermesse "Hausbrandt e Trieste. Cultura e commerci mitteleuropei 1892 – 2023". La mostra resterà aperta con ingresso libero fino al 22 ottobre.

TRIESTE - Una storia lunga oltre 130 anni, intrecciata al percorso di crescita dell’Italia, ai mutamenti di gusti, stili e riti della società, e sempre profondamente legata alla città di origine: a quella cultura mitteleuropea, quel crocevia di popoli, religioni e saperi che Trieste, città del caffè per eccellenza, tutt’oggi rappresenta. "Hausbrandt e Trieste. Cultura e commerci mitteleuropei 1892 - 2023" è l'evento/kermesse che dal 9 settembre al 22 ottobre animerà il Salone degli Incanti, nella città Giuliana, con l'intento di ricostruire il lungo, straordinario percorso del famoso marchio del caffè presente in 90 Paesi del mondo.

La relazione tra la città e l'azienda

L'evento, fortemente voluto dal Comune di Trieste e accolto da Martino Zanetti Presidente della Fondazione Hausbrandt per valorizzare e celebrare la stretta relazione tra la città e l'azienda, è stato presentato oggi, 7 settembre. L'importanza dell'evento è sottolineata anche dalla presenza al vernissage assicurata dai Presidenti delle Associazioni Industriali mitteleuropee. A rappresentare l'Austria sarà Markus D'Asburgo, amico fraterno della famiglia di Martino Zanetti. La loro partecipazione assume grande rilevanza in quanto Hausbrandt Trieste 1892, decana dell'industria europea, ha voluto dedicare questa mostra e lo sforzo per organizzarla alla città di Trieste ma anche alla crescente condivisione degli industriali mitteleuropei della volontà di pace, unico contesto nel quale può prosperare la civiltà. La curatela dell'evento "Hausbrandt e Trieste. Cultura e commerci mitteleuropei 1892 – 2023", che sarà animato da talks e concerti, è stata affidata all'arch. Luciano Setten.

La mostra

Un brand divenuto, da quel lontano 1892, un’icona famigliare riconosciuta nell’immaginario collettivo, grazie anche alle scelte grafiche, alla corporate image creata da grandi artisti del Novecento e ad alcune soluzioni comunicative, a tratti rivoluzionarie, con cui Hausbrandt ha saputo innovare,nel cruciale scorrere del cosiddetto secolo breve e tutt’oggi, il marketing e la pubblicità. Grandi personalità, come quella del pittore e cartellonista Leopoldo Metlicovitz, dei pubblicitari Luciano Biban e Robilant e dello studio Demner Merlicek & Bergmann, saranno tra i protagonisti di questo racconto che, nel mentre, darà conto anche della Trieste del tempo e renderà evidente il passare delle mode. Nella città che ha fatto la storia del caffè e dei caffè, quali luoghi carismatici e palpitanti di connessioni culturali, ecco dunque un intenso percorso - attraverso immagini storiche, oggetti di design e industriali, bozzetti, grafiche, loghi, materiali d’archivio - per scoprire i nodi del successo d’immagine di questo marchio ultracentenario, rappresentativo di una delle eccellenze italiane: immagine preservata e valorizzata anche nel recente corso dell’azienda da Martino Zanetti. "Hausbrandt e Trieste. Cultura e commerci mitteleuropei 1892 – 2023"  è promosso dalla Fondazione Hausbrandt, con la coorganizzazione del Comune di Trieste, il Patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e della città di Treviso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hausbrandt celebra i suoi 130 anni di storia con una mostra
TriestePrima è in caricamento