Giovedì, 17 Giugno 2021
Eventi

"Nel mare dell'intimità", al Salone degli Incanti l'archeologia subacquea racconta l'Adriatico

Da domenica 17 al via la mostra dedicata alla memoria di Predrag Matvejević: eventi collaterali, visite guidate, attività per le scuole e laboratori didattici

Un rosario di racconti, anzi le mille e una notte dell’Adriatico, un libro aperto con le tante storie di uomini e donne che hanno guardato l'Adriatico da una riva o dal ponte di una nave, che lo hanno invocato per placarne le furie o su di esso si sono avventurati alla ricerca di venti propizi, imprese e fortuna su navi spinte in volo dalle vele. È questa l'anima di "Nel mare dell'intimità. L'Archeologia subacquea racconta l'Adriatico", la mostra dedicata alla memoria di Predrag Matvejevi?, che sta per prendere il via a Trieste, crocevia d’Europa. Allestita all'ex-Pescheria-Salone degli Incanti si apre al pubblico domenica 17 dicembre 2017.

Accompagnata da eventi collaterali, visite guidate, attività per le scuole e laboratori didattici sarà visitabile fino al 1 maggio 2018. L'esposizione è curata da Rita Auriemma, Direttore del Servizio di catalogazione, formazione e ricerca dell'ERPAC - Ente Regionale per il Patrimonio Culturale della Regione Friuli Venezia Giulia che promuove e organizza l'iniziativa insieme al Comune di Trieste - Assessorato alla Cultura e in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia, il Polo Museale del Friuli Venezia Giulia, la Federazione Archeologi Subacquei, il Croatian Conservation Institute, l’International Centre for Underwater Archaeology e numerosi altri partner italiani e stranieri (lista completa in cartella stampa), con il patrocinio del Ministero Beni e Attività Culturali e Turismo (MiBACT), del Ministero della Cultura Croato, del Ministero del Turismo Croato, del Ministero della Cultura Sloveno, di Promoturismo Fvg, con il contributo della Fondazione CRTrieste e grazie al supporto di Tiare Shopping Cente. Media Partner: Il Piccolo.

Per la prima volta saranno offerti al pubblico in una visione d’insieme relitti, opere d’arte e oggetti della vita quotidiana, merci destinate alla vendita e attrezzature di bordo, circa un migliaio di reperti provenienti dai numerosi giacimenti sommersi e prestati per l’occasione da musei italiani, croati, sloveni e montenegrini e allestiti in uno spazio di più di duemila metri quadrati.

L’allestimento, curato dall’architetto Giovanni Panizon, trasformerà l' ex Pescheria-Salone degli Incanti di Trieste in un paesaggio d’acqua, un fondale sommerso che permetterà di leggere in maniera più esaustiva l’intensità degli scambi culturali e dei traffici commerciali, la specificità della costruzione navale antica, la ricchezza delle infrastrutture e il dinamismo dei paesaggi costieri, le storie degli uomini che hanno attraversato questo mare intimo. Si è rinunciato a ogni intento di esaustività scegliendo di giocare con il tempo all'interno dei macrotemi che compongono l'esposizione: Lo spazio Adriatico, I porti e gli approdi, Le navi, Le merci, Gli uomini, Le attività, Le guerre, I luoghi sacri, Le migrazioni e La ricerca sotto il mare.

All’ingresso i visitatori saranno accolti da un’installazione che illustrerà, con 22 modelli, le imbarcazioni che nei secoli hanno solcato l’Adriatico. Lasciandosi alle spalle il mare, si raggiunge uno spazio che riproduce in negativo lo scafo di una nave antica, nel quale i reperti archeologici svelano la cultura materiale e sociale cresciuta lungo le rive di questo mare. Lo spazio libero che circonda il corpo centrale dell'allestimento raccoglie invece i grandi elementi: la riproduzione della sezione della nave di Zambratija, la nave cucita più antica del Mediterraneo , lo zoppolo di Aurisina, una marotta, la prua del sommergibile Medusa, affondato nel 1915 al largo delle Bocche di Lido, a Venezia, perchè colpito dal siluro lanciato dal sottomarino U-11, tre cannoni in bronzo due dal Museo storico Navale di Venezia e uno da porto Garibaldi, il sommergibile Molch, e la ricostruzione scala 1:1 della sezione trasversale del relitto d ella Iulia Felix, ritrovata al largo di Grado, con parte del suo carico orginale. Nel cuore del Salone degli Incanti, l’Agorà, troveranno spazio le statue: la replica dell’Apoxyomenos, l'opera bronzea nota anche come l'atleta della Croazia, rinvenuta nel 1999 a est dell’isola di Lussino a 45 metri di profondità, il cd. Navarca di Aquileia, la statua funeraria in marmo di un ammiraglio ispirata ai modelli eroici della Grecia classica, ma risalente al I secolo d.C. I visitatori troveranno, inoltre, l'Atleta di Barcola, la scultura in marmo greco rinvenuta durante gli scavi di una villa marittima eseguiti alla fine dell'Ottocento a Barcola (Trieste), copia romana di una delle sculture più famose di Policleto, il Diadumeno, e ancora il “principe” di Punta del Serrone, una statua bronzea che raffigura con ogni probabilità Lucio Emilio Paolo il comandante romano che sconfisse a Pidna, nel 168 a.C., Perseo di Macedonia, tra i generosi prestiti provenienti dal Museo Archeologico Francesco Ribezzo di Brindisi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Nel mare dell'intimità", al Salone degli Incanti l'archeologia subacquea racconta l'Adriatico

TriestePrima è in caricamento