Venerdì, 30 Luglio 2021
Eventi Viale XX Settembre

I protagonisti di “Notre Dame de Paris”: “Trieste è nel nostro cuore”

Giò Di Tonno, Graziano Galatone, Vittorio Matteucci ed Elhaida Dani, a Trieste per lo spettacolo Musicall, torneranno in febbraio per riproporre il celebre musical di Riccardo Cocciante. In conferenza stampa hanno espresso parole di grande affetto per Trieste e per il Politeama Rossetti

Foto: Aiello

Un sincero affetto per la città di Trieste e il suo Politeama è stato espresso con calore dai protagonisti del cast originale di “Notre Dame de Paris”, che hanno partecipato alla conferenza stampa di presentazione della stagione 2021 – 2022 del Rossetti. Una stagione votata alla ripartenza, che vedrà proprio l’immortale musical di Riccardo Cocciante come spettacolo di punta, dal 16 al 20 febbraio 2022.

Proprio ieri sera (2 giugno) Giò di Tonno, Graziano Galatone e Vittorio Matteucci hanno incantato la platea del Teatro stabile del Fvg con il debutto del tour "Musicall", il concerto che raccoglie il meglio del musical e delle colonne sonore di tutti i tempi. Nella replica di stasera, già sold out, canterà anche la bella e talentuosa Elhaida Dani, che dal 2016 interpreta Esmeralda in Notre Dame. La cantante di origini albanesi, già vincitrice della prima edizione italiana di The Voice (nel team di Cocciante), vive proprio a Trieste, dove ha scelto di stabilirsi e di tornare, tra un tour internazionale e l’altro.

Dani ha spiegato che “Trieste mi ha affascinato dal primo incontro, l’ho conosciuta tramite una mia amica e ho subito deciso di farne la mia base. Il Rossetti mi ha sempre accolta con grande calore, cortesia e professionalità ed è proprio qui che ho incontrato di persona Giò (Di Tonno, ndr) per la prima volta”. A differenza di Elhaida Dani, i tre protagonisti maschili fanno parte del cast originale di Notre Dame da quasi 20 anni, ma la ‘nuova’ Esmeralda ha spiegato che “nonostante all’inizio temessi di non riuscire subito a inserirmi in una compagnia così affiatata, i ragazzi mi hanno subito fatto sentire in famiglia”.

Sul musical in sé e il suo straordinario successo, Giò Di Tonno (che interpreta Quasimodo), ha dichiarato che “Notre Dame, quando esordì, fu un vero spartiacque: un lavoro internazionale con una varietà di generi musicali differenti, ma permeato dalla musicalità di Cocciante, tutta Italiana. Dopo 20 anni c’è sempre la stessa voglia di rimetterlo in scena e la stessa affezione del pubblico. Una delle più grandi fan è una signora, che di mestiere fa il chirurgo, ha visto lo spettacolo 100 volte e fa ascoltare i brani ai suoi pazienti per rilassarli prima degli interventi. Per quanto mi riguarda non mi stancherò mai di interpretare Quasimodo, smetterò solo quando inizierà mio figlio”.

Secondo l’interprete di Febo, Graziano Galatone, “Bisognerebbe installare una Statua della Libertà sul lungomare di Trieste, questa città ha un grande spirito di accoglienza. Qui ho ricevuto importanti riconoscimenti come il premio Massimini e ieri rivedere i sorrisi dei triestini è stata un'emozione”. Belle parole sulla città anche da Vittorio Matteucci (lo “storico” Frollo): “In questa città ho sempre trovato un pubblico critico e preparato, oltre che caloroso. Inoltre da Livornese che da anni vive a Padova, ogni volta che arrivo in una città di mare mi sento a casa e Trieste non fa eccezione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I protagonisti di “Notre Dame de Paris”: “Trieste è nel nostro cuore”

TriestePrima è in caricamento