rotate-mobile
L'annuncio / Largo Giorgio Gaber 1

"The Phantom of the Opera” porta 7 milioni di indotto a Trieste, in ottobre un concerto di Ramin Karimloo

Sono stati resi noti i "numeri" dello spettacolo a Trieste: oltre 20mila spettatori sono entrati al Politeama Rossetti per vedere la grande produzione, di cui il 47 per cento da fuori regione e il 20 per cento dall'estero. Si parla di ben 70 paesi tra cui Cina, Giappone, Australia, Corea e Brasile

TRIESTE - "The Pahantom of the Opera" porta a Trieste un indotto da 7 milioni alla città e la star Ramin Karimloo, che ha interpretato il ruolo del fantasma, tornerà a Trieste il 25 ottobre per un grande concerto intitolato "From the Rehersal Room: Trieste Live". Con lui un altro grande interprete dei più applauditi musical del West End: Hadley Fraser, già interprete del ruolo di Raoul nel cinquantenario del "Phantom" alla Royal Albert Hall. Le due precedenti rappresentazioni di "From the Rehersal Room" sono andate in scena a Tokyo, durante il lockdown, e a Londra. Nello spettacolo si ripercorreranno in 10 brani 100 anni di teatro musicale nel corso del Novecento. La notizia è stata data in anteprima durante una conferenza stampa al Politeama Rossetti, in cui sono stati enumerati i risultati che The Phantom of the Opera ha raggiunto durante le repliche a Trieste lo scorso luglio.

Oltre 20mila spettatori sono entrati al Politeama Rossetti per vedere la grande produzione, di cui il 47 per cento da fuori regione e il 20 per cento dall'estero. Si parla di ben 70 paesi tra cui Cina, Giappone, Australia, Corea e Brasile. L'indotto stimato per la città, come anticipato, è stato stimato in 7milioni di euro, un dato ricavato da un questionario che il Rossetti ha rivolto a coloro che hanno comprato i biglietti e dal quale si desume che i circa 11mila spettatori fuori regione hanno pernottato in totale a Trieste per 10mila notti. Sono stati inoltre staccati biglietti per un totale di un milione e 300mila euro. Nella conferenza stampa sono intervenuti l'assessore ai teatri Serena Tonel, il presidente del Teatro Stabile del Fvg Francesco Granbassi e il direttore organizzativo Stefano Curti. Tra i vari aneddoti legati a questo evento internazionale sono state menzionate le visite a Trieste di Cameron Machintosh, il più grande produttore di musical del mondo, e l'autore dello stesso Phantom, la leggenda del musical Andrew Lloyd Webber. 

Non solo celebrità ma anche storie di spettatori sconosciuti, arrivati da lontano per vedere dal vivo Ramin Karimloo. Tra questi una ragazza iraniana, connazionale di Karimloo, arrivata con il padre direttamente dal paese d'origine. Il cantante ha voluto incontrarla personalmente e i due hanno dialogato a lungo nella loro lingua madre. Non l'unica fan che ha avuto il privilegio di incontrare il performer: anche un ragazzo affetto da disabilità, che ha affrontato un viaggio da Malta per poter vedere il Phantom, è stato accolto nel backstage per un'amichevole chiacchierata con il suo idolo. Il tutto, è stato ricordato in conferenza stampa, a testimonianza di un "indotto non solo economico" per la città di Trieste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"The Phantom of the Opera” porta 7 milioni di indotto a Trieste, in ottobre un concerto di Ramin Karimloo

TriestePrima è in caricamento