Politeama Rossetti, ritorna per il terzo anno consecutivo "Magazzino 18"

Ci sono spettacoli che lasciano un segno, forte, nei ricordi del pubblico, nel percorso di un teatro, nella storia di un artista… Magazzino 18 è senz’altro fra questi. 

Scritto da Simone Cristicchi con Jan Bernas e diretto da Antonio Calenda Magazzino 18, prodotto dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia è stato accolto con tumultuoso successo al suo esordio nel 2013 a Trieste ed ha ripetuto lo stesso esito in tutte le piazze della tournée sia in Italia che all’estero. Ma assurde tensioni, accese polemiche avevano preceduto la sua andata in scena, e solo gli applausi scroscianti e unanimi e la commozione della prima le hanno potute spegnere.

E dopo quel bellissimo debutto triestino, ecco arrivare – anche dal resto d’Italia – i premi di prestigio (ricordiamo almeno il Premio “Maschere del Teatro Italiano” ricevuto per le musiche e la nomination di Cristicchi all’Ubu), le testimonianze d’affetto, i traguardi significativi (fra tutti, la ripresa televisiva, effettuata dalla Sede Rai del Friuli Venezia Giulia e poi proposta su Rai Uno). E infine le repliche all’estero: assai significative quelle in Slovenia e Croazia, proprio nei luoghi di cui lo spettacolo parla… 

Magazzino 18 riprende ora – ripresentandosi per l’ultima volta dal 5 all’8 novembre al Politeama Rossetti di Trieste, dove tutta la sua brillante parabola è nata – e va in tournée per la terza stagione consecutiva, collezionando un numero di repliche che non è certo consueto nel panorama italiano. 

Le ragioni di tanto clamore, sono da ravvisare nell’argomento che Simone Cristicchi ha scelto di trattare servendosi dello strumento del palcoscenico: una pagina dolorosa e controversa della storia del Novecento, quella dell’esodo giuliano-dalmata.

«Sono sempre partito da grandi silenzi: quelli del manicomio, delle miniere, delle guerre mondiali. Dal giorno in cui, due anni fa, attraversai il vecchio portone del Magazzino 18, sono stato ossessionato dal silenzio che respirai lì dentro, tra le masserizie degli esuli in fuga dalla Jugoslavia dal 1947» dice Simone Cristicchi. «L’esodo di italiani cancellati dalla storia. O la vicenda pressoché sconosciuta dei cosiddetti “rimasti”, che fecero la scelta opposta. La guerra di invasione voluta dal fascismo. Poi, le foibe e la strage di Vergarolla, la più grave mai accaduta in Italia. La piccola Marinella Filippaz, morta di freddo nel Campo Profughi di Padriciano nel 1956. Il sogno infranto dei 2000 monfalconesi che credevano in un sol dell’avvenire che poi non è mai sorto, ma si è spento nel lager titino di Goli Otok. (…) Con l’aiuto di Jan Bernas, mi sono immerso nell’umanità sconvolta da questo uragano della Storia, un esodo che le ideologie hanno strumentalizzato fin troppo, un dolore che non può avere un colore politico, ma solo rispetto; una storia che in qualche modo aspettava e meritava di essere narrata e cantata, dopo settant’anni di oblio»

La chiave per addentrarsi, anche con leggerezza in questa storia difficile è il personaggio di Persichetti: un impiegato ministeriale, un ignaro archivista che s’imbatte per lavoro nella vicenda dell’Esodo e nel polveroso Magazzino 18, dove realmente tuttora sono conservati gli oggetti lasciati dagli esuli: e oggetto dopo oggetto, passando da una lettera a una pagina di diario, da una fotografia a un utensile, incontra mille vicende, migliaia di vite cariche di nostalgia. E diviene consapevole di una Storia che non conosceva affatto.

Assistito dalle forze creative e organizzative dei produttori, il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia e PromoMusic Cristicchi ha potuto indagare e raccontare, attraverso una koinée di linguaggi che trasfigura il reportage storico in un “musical-civile”.

Le vicende di quelle quasi 300 mila persone che nel 1947 scelsero – davanti a una situazione intricata e irta di lacerazioni – di lasciare le loro terre natali destinate ad essere jugoslave e proseguire la loro esistenza in Italia o altrove nel mondo sono infatti interpretate da Cristicchi - accompagnato dal Coro StarTs Lab e dalla grande FVG Mitteleuropa Orchestra diretta dal Maestro Sivilotti – in un affascinante e toccante alternanza di musica, canzoni e racconto.

Lo spettacolo si avvale delle scene di Polo Giovanazzi, le luci di Nino Napoletano. Le musiche e le canzoni inedite sono di Simone Cristicchi e le musiche di scena e gli arrangiamenti sono firmati da Valter Sivilotti. 

Le repliche del 5, 6 e 7 novembre sono serali con inizio alle ore 20.30 e domenica 8 novembre va invece in scena l’unica pomeridiana con inizio alle ore 16.

Lo spettacolo è in programma al Teatro Stabile del friuli Venezia Giulia come “fuori abbonamento”.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Passeggiata gratuita alla scoperta dei grandi imprenditori nella storia di Trieste

    • dal 20 agosto 2020 al 2 settembre 2021
    • Campo San Giacomo
  • Il Covid non fermaTrieste prima: online la storica rassegna internazionale di musica contemporanea

    • Gratis
    • dal 17 novembre al 12 dicembre 2020
    • Conservatorio Tartini Trieste
  • "Farmer & artist 2020": il festival del Carso si trasferisce online con incontri a tema

    • dal 23 novembre al 17 dicembre 2020
    • Antico Caffè San Marco
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TriestePrima è in caricamento