"Scommetti che perdo? La matematica dei giochi d'azzardo", se ne parla il 17 novembre

Il 17/11/2015, alle 18.00, alla Sala Incontri del Museo Civico di Storia Naturale di Trieste, in via dei Tominz 4, si terrà la conferenza

"Scommetti che perdo? La matematica dei giochi d'azzardo".

Relatore: Giorgio Dendi, matematico, campione mondiale delle Olimpiadi della Matematica tenutesi a Parigi nel 2000.

L'evento è organizzato dal Servizio Musei Scientifici del Comune di Trieste, e sarà introdotto e commentato da Giuliano Bettella, del CICAP F.-V.G. Seguirà il dibattito con il pubblico.

L'ingresso è libero e gratuito, sino a esaurimento dei posti disponibili.

Per informazioni:  friuli-vg@cicap.org

______________________________________________________________

Il gioco d'azzardo viene spesso presentato come una malattia che colpisce tante persone deboli, e nuoce all'intera società. Il tema si presta a un'analisi, fatta con il puntiglio di chi partecipa alle gare matematiche di livello mondiale. Solo dopo aver tratto considerazioni logiche, e applicato rigorosamente teoremi, che intuitivamente comprendiamo tutti, potremo avere un quadro completo della situazione. Semplici esempi di probabilità ci porteranno a conoscere con esattezza quale apporto alla vita nostra e di tutta la società potranno dare slot machine, lotterie, gratta e vinci.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Passeggiata gratuita alla scoperta dei grandi imprenditori nella storia di Trieste

    • dal 20 agosto 2020 al 2 settembre 2021
    • Campo San Giacomo
  • "Ero uno zombie ma sono guarita", la battaglia di Anna contro l'anoressia diventa una mostra

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 30 aprile 2021
    • Leali delle Notizie
  • Il Verdi punta sui “Giovani talenti”: sei concerti con i professionisti del domani

    • dal 30 gennaio al 18 aprile 2021
    • Telequattro
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TriestePrima è in caricamento