Sabato, 23 Ottobre 2021
Eventi

Slofest, oltre 4000 visitatori per la terza edizione del festival della cultura slovena

Grande successo per il festival dedicato alla storia, alle eccellenze, alle istituzioni e alle tradizioni della minoranza slovena

Quando Slofest è nato nel 2013 come vetrina biennale della cultura slovena autoctona nella centralissima Piazza della Borsa a Trieste, gli organizzatori dell’Unione dei circoli culturali sloveni ZSKD avrebbero difficilmente immaginato una simile accoglienza e un tale successo per una manifestazione che oggi è già diventata tradizione. È stato compreso fin dalla prima edizione l’intento di far conoscere la storia, le eccellenze, le istituzioni, le tradizioni della minoranza slovena, mettendoli direttamente a contatto con il pubblico maggioritario di una città storicamente multiculturale, che ha risposto con grande interesse. Arrivato alla terza edizione, lo Slofest ha confermato il successo raggiunto con oltre 4000 visitatori in tre giorni, dal 15 al 17 settembre, che sono stati preceduti da una serie di eventi introduttivi. Nei tre giorni principali si sono avvicendati 40 eventi, organizzati da 29 soggetti e tra i quali ognuno ha potuto trovare motivi di curiosità: dai concerti alle mostre, dalle conferenze alle visite guidate, piuttosto che alle tavole rotonde o alle esibizioni di gruppi folcloristici. Nel complesso hanno collaborato attivamente alla realizzazione dei singoli eventi oltre 800 persone. La grande varietà del programa ha evidenziato quest'anno tre fili rossi: l'anniversario della morte dello scrittore triestino Vladimir Bartol, i contatti con altre minoranze della città e in generale con la questione delle minoranze a livello europeo, non da ultimo la dimensione regionale del festival, che stavolta si estende anche a Gorizia e a Cividale, dove si concluderà ufficialmente il 23 settembre (presso le sedi di Trieste e Gorizia di ZSKD sono ancora aperte le iscrizioni per l'autobus da Trieste e Gorizia).

Le condizioni atmosferiche non sono state le migliori, ma il maltempo è stato clemente, costringendo alla cancellazione di un solo evento, appartenente al pomeriggio dei giovani. Due eventi, la visita guidata a San Giovanni sulle orme di Bartol e l'incontro con l'architetto Boris Podrecca, annullati per pioggia, verranno realizzati in seguito. La presidente della ZSKD ?ivka Persi è molto felice che Slofest abbia presentato in questi anni la minoranza fuori dagli stereotipi gastronomici, valorizzando le sue eccellenze culturali e collocandola in una regione geografica molto più ampia: «Gli intrecci interculturali ed interreligiosi del territorio triestino hanno dato il segno di un modo di vivere comune e positivo, ad esempio con il debutto del coro multiculturale Vox Tergesti, con la prima del nuovo spettacolo del TSS Condominio Europa, con la presentazione del depliant Trieste al plurale, con la rassegna finale di gruppi folcloristici triestini. Anche i giovani hanno avuto molto spazio: hanno creato la mascotte, ovvero l'orso Jure, realizzato una sfilata di moda, contributi giornalistici. Non da ultimo sono state presenti anche le scolaresche. Lo Slofest si è svolto nel segno di diversi livelli e forme di collaborazione e conoscenza reciproca. Abbiamo conosciuto gli altri per conoscere meglio noi stessi»

Slofest da' appuntamento alla prossima edizione, che sarà nel 2019 a Trieste.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Slofest, oltre 4000 visitatori per la terza edizione del festival della cultura slovena

TriestePrima è in caricamento