menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Socialità anziani 2017": eventi, concerti e mostre dedicate agli anziani soli o in difficoltà

Un ricco calendario di eventi per gli anziani soli, indigenti o in difficoltà, per gli ospiti di strutture residenziali o utenti dei servizi domiciliari, o, più “semplicemente”, per chi non ha o non trova la forza di uscire di casa

Con un programma davvero ricco di iniziative (incontri conviviali, partecipazione a spettacoli musicali e teatrali, visite alle mostre e ai mercatini natalizi delle città e regioni vicine - da Gorizia al Friuli, dal Veneto alla Carinzia -, giochi tradizionali e pranzi di Natale) che tutti gli “attori” presenti hanno giudicato ancor più ampio e interessante rispetto alle passate edizioni, è stato presentato in Municipio il “cartellone” di “Socialità Anziani – Natale 2017”, promosso dal Comune di Trieste e dalla sua Area Servizi Sociali in collaborazione con l'Azienda Sanitaria- ASUITS e con la partecipazione propositiva e operativa delle numerose associazioni e realtà che compongono una 'rete sociale' triestina sempre più solida, meglio strutturata e quindi capace di assolvere al suo compito precipuo. Ovvero a quel poter essere sempre più vicini, capaci di supporto, non solo materiale, e in grado di offrire quelle occasioni di convivialità e di relazione interpersonale che sono un “bene” sempre più necessario, forse anche per tutti noi ma certamente, a maggior ragione, per gli anziani soli, indigenti o in difficoltà, per gli ospiti di strutture residenziali o utenti dei servizi domiciliari, o, più “semplicemente”, per chi non ha o non trova la forza di uscire di casa.

Ma per sostenere queste persone, fronteggiare queste potenziali “emergenze” e comunque per cercare di offrire a tutti una giusta possibilità di partecipare alle manifestazioni e agli eventi tipici del periodo, ecco “entrare in scena” anche quest'anno le forze della Rete sociale della nostra città, aderenti allo specifico Protocollo “Socialità Anziani” coordinato dal Comune, le quali – come ha decisamente sottolineato in apertura di conferenza stampa l'Assessore comunale alle Politiche Sociali Carlo Grilli - «stanno irrobustendo e ampliando, anno dopo anno, una realtà che, stante anche la nota e “storica” composizione e dinamica demografica del territorio triestino, è divenuta, per molte altre città e istituzioni, non solo italiane, un interessante e prezioso oggetto di studio, “esemplare” per come potranno svilupparsi queste dinamiche anche nel resto d'Europa».

E proprio in questo spirito di forte coordinamento, la quasi totalità delle numerose associazioni che partecipano al Protocollo “Socialità Anziani” era presente all'incontro in Municipio con i rispettivi rappresentanti. Introdotti dall'assistente sociale Stefano Ferroli del Servizio Sociale comunale che ha ricordato come il “Protocollo” sia in grado di attivare, in realtà, una “rete” ancor più ampia, e rivolta non solo agli anziani ma a tutti i cittadini che vogliano interagire e collaborare, sono quindi intervenuti: Deborah Voliani di Televita-Amalia, rimarcando anch'essa come «ogni anno gli eventi siano sempre più numerosi e qualificati» e soprattutto ricordando i recapiti di questo “centro di pronto aiuto”, il sito www.chiamamalia.it – dove sono elencate e illustrate tutte le manifestazioni in programma sul territorio - e, maggiormente utilizzato specialmente dai più anziani, l'ormai ben conosciuto numero verde telefonico 800-544.544».

Ma, come detto, anche diverse altre sono le “sigle” aderenti a questa grande operazione di assistenza, vicinanza e salvaguardia delle persone bisognose e più fragili del nostro territorio: tra queste, oltre naturalmente all'Azienda Sanitaria-ASUITS, l'ITIS, l'ACAAR “Marenzi” di via dell'Istria, il Consorzio Interland, la Comunità di Sant'Egidio, Benessere ASDC, la U.I.S.P., l'Associazione Lunga Vita Attiva, la Camera di Commercio, l'Associazione de Banfield e Casa Viola, Nadir Pro e Il Falò, e ancora altre realtà associative e volontari del servizio civile.

Intanto – come ha spiegato l'Assessore Grilli – non ci si è dimenticati di chi, per le sue condizioni, non potrà uscire di casa per recarsi, come magari vorrebbe, nei “luoghi della festa”: per queste persone sono già stati predisposti circa 450 pacchi che verranno portati a domicilio.

Soddisfazione e riconoscenza – tratteggiando infine un essenziale bilancio di fine anno – sono state espresse, con l'occasione, dall'Assessore Grilli a tutti i soggetti coinvolti, anche per il lavoro sinergico portato avanti nel corso di tutto il 2017, di cui ha citato i risultati, in costante incremento: 7 soggiorni estivi, tra i quali 3 per persone solo parzialmente autonome, 19 feste, 45 “vacanze in città”, 31 gite, promozioni diverse dell'attività motoria, laboratori artistici e altro ancora, per un impegno complessivo di spesa di quasi 60 mila Euro, di cui 20 mila erogati dalla Regione per un progetto connesso alla promozione dell'”invecchiamento attivo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

social

Il Monviso fotografato da 270 chilometri: la foto è subito virale

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, il Friuli Venezia Giulia rimane in zona gialla

  • Cronaca

    Porto vecchio: variante urbanistica nell'Accordo di programma, sì agli investimenti

  • Cronaca

    Presidente del Consiglio regionale positivo al Covid: "Sto bene"

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

  • Arredare

    Letto con box contenitore: modelli, costi e vantaggi

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento