"I Solisti Veneti", domenica 29 novembre si concludono "I concerti della Domenica"

I CONCERTI DELLA DOMENICA

I SOLISTI VENETI“ diretti da Claudio SCIMONE

con I GIOVANI SOLISTI dell´Accademia de „I Solisti Veneti“

Consegna delle borse di studio offerte dal ROTARY CLUB DI PADOVA

PADOVA – AUDITORIUM "POLLINI"

DOMENICA 29 NOVEMBRE 2015 – ore 11

________________________________________________________________________________________________

Programma

PUCCINI - Quartetto per archi (prima esecuzione in Padova)

BRITTEN - "Sentimental Saraband" e "Playful Pizzicato" dalla "Simple Symphony"

VIVALDI - Concerto in la minore op. 3 n. 6 per violino e archi

PUGNANI - Introduzione e Allegro per violino e archi

PAGANINI - Variazioni di bravura sulla quarta corda per violino e archi

sul tema della Preghiera "Dal Tuo stellato soglio" dal "Mosè" di Rossini

SARASATE - "Zingaresca" op. 20 per violino e archi

Organizzata in collaborazione con il COMUNE DI PADOVA - ASSESSORATO ALLA CULTURA, la manifestazione corona la Master Class - Accademia per giovani solisti che l´Ente “I Solisti Veneti” ha organizzato lo scorso agosto, nella splendida Sala della Chitarra della Villa Contarini di Piazzola sul Brenta, generosamente concessa dalla Fondazione Ghirardi, per trasmettere alle nuove generazioni di musicisti il tesoro di preziose esperienze raccolto negli ormai più di cinquantacinque anni di gloriosa attività. Nel corso del concerto di domenica 29 novembre si esibiranno tre giovani talenti: Francesco MARDEGAN, Teofil MILENKOVIC e Giada VISENTIN, selezionati tra i numerosissimi diplomati dei Conservatori e delle Istituzioni di alta formazione musicale di tutta Europa che sono accorsi nel Veneto per approfondire con Claudio Scimone e alcune delle prime parti della sua orchestra i segreti del grande patrimonio musicale veneto e veneziano del Settecento. A questi tre giovani artisti il ROTARY CLUB DI PADOVA ha offerto tre borse di studio, la cui consegna ufficiale avverrà nel corso del concerto del 29 novembre. Un ´occasione formale, si penserebbe, ma invece no: sarà una festa: una festa per i giovani premiati, una festa per tutti coloro che - maestri e allievi - hanno lavorato a stretto contatto sullo studio e l´interpretazione delle pagine più belle del Settecento veneto, una festa per chi, con intelligente lungimiranza, ha deciso di sostenere gli artisti di domani: il Rotary Club di Padova appunto, da sempre in prima linea a sostegno dell´arte e della cultura. Una festa alla quale non mancherà la musica, naturalmente, e che musica! Il Quartetto per archi di Giacomo Puccini - in prima esecuzione a Padova - aprirà il concerto, subito seguito dai due movimenti più suggestivi (Sentimental Saraband e Playful Pizzicato) della Simple Symphony di Benjamin Britten. Poi sarà la volta dei giovani, di questi giovani pieni di talento: ed ecco pronti Francesco Mardegan a interpretare la parte di violino solista del Concerto in la minore op. 3 n. 6 di Vivaldi e subito dopo Giada Visentin con il virtuosistico (non che il virtuosismo manchi in Vivaldi, anzi!) Introduzione e Allegro di Gaetano Pugnani, per concludere infine con Teofil Milenkovic, tanto giovane eppur con un curriculum già prodigioso, al quale saranno affidate le parti solistiche delle Variazioni di bravura sulla quarta corda di Paganini, quelle scritte su un tema del Mosè di Rossini, e l´acrobatica Zingaresca op. 20 di Pablo de Sarasate. Una mattinata da non perdere: gioventù e talento; davvero UNO SGUARDO AL FUTURO, come recita il titolo del concerto. E grazie a "I Solisti Veneti", per uno sguardo così positivo, promettente e ottimista. Se ne sente il bisogno!

“I CONCERTI DELLA DOMENICA”, ideati da “I SOLISTI VENETI”, nel 1966 da allora ad oggi punteggiano preziosamente ogni autunno padovano, dedicandosi con intelligenza a quelle fasce di pubblico che difficilmente potrebbero partecipare ai normali concerti serali. Le famiglie con bambini e gli anziani, ma non solo, sono così il pubblico privilegiato ed entusiasta de “I CONCERTI DELLA DOMENICA”, favoriti dall’orario delle manifestazioni - alle ore 11 della domenica mattina -, dal ridottissimo costo del biglietto e dal particolare carattere dei concerti che tanto nella formulazione dei programmi quanto durante le esecuzioni abbandonano ogni rigido formalismo per rivestirsi di vivace familiarità. Ecco quindi i simpatici e puntuali interventi di Claudio SCIMONE, direttore de “I SOLISTI VENETI”, volti ad introdurre ed illustrare in linguaggio semplice e con immagini immediate le varie composizioni e tanti altri accattivanti aspetti che fanno di questi concerti un’attrazione intelligente e ricreativa pressoché unica e geniale. Un’iniziativa che ha riscosso sin dalla sua nascita il più lusinghiero successo di pubblico (i concerti registrano costantemente il tutto esaurito) e attirato l’attenzione (oltre che la diffusa imitazione) di molte delle più importanti città italiane nonché – e a più riprese – l’interesse delle principali Radio e Televisioni italiane e straniere che - cogliendone pienamente significato e bellezza - hanno loro dedicato numerosi e articolati special

  

BIGLIETTI: a PADOVA presso GABBIA (via Dante, 8 – tel. 049. 8751166), MUSICA MUSICA (Galleria Altinate, 20/22 – tel. 049. 8761545), e presso l’Ente “I SOLISTI VENETI” (Piazzale Pontecorvo, 4/a – tel. 049. 666128).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Passeggiata gratuita alla scoperta dei grandi imprenditori nella storia di Trieste

    • dal 20 agosto 2020 al 2 settembre 2021
    • Campo San Giacomo
  • "Ero uno zombie ma sono guarita", la battaglia di Anna contro l'anoressia diventa una mostra

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 30 aprile 2021
    • Leali delle Notizie
  • Il Verdi punta sui “Giovani talenti”: sei concerti con i professionisti del domani

    • fino a domani
    • dal 30 gennaio al 18 aprile 2021
    • Telequattro
  • L'Istituto Canossiano riavvia i centri estivi per i più piccoli, si parte il 5 luglio

    • dal 19 aprile al 3 settembre 2021
    • Istituto Canossiano
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TriestePrima è in caricamento