Teatro di Monfalcone: torna in regione "Ferite a Morte" con Lella Costa

La stagione di prosa del Teatro Comunale di Monfalcone prosegue, martedì 17 e mercoledì 18 novembre alle ore 20.45, con l’intenso Ferite a morte, lo spettacolo di Serena Dandini che, forte di tre anni di grande successo in Italia e all’estero (New York, Washington, Bruxelles, Parigi, Lisbona, Città del Messico, Tunisi, Istanbul fra le città toccate dalla tournée), arriva ora a Monfalcone.

Coprodotto da Mismaonda e Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano, lo spettacolo vede in scena, dirette dalla stessa Dandini, tre grandi donne del teatro italiano: Lella Costa, Orsetta de’ Rossi e Rita Pelusio.

Attingendo alla cronaca e alle indagini giornalistiche (ai testi e alle ricerche ha collaborato Maura Misiti, ricercatrice del CNR), Ferite a morte affronta il dramma della violenza sulle donne e restituisce voce alle troppe donne che hanno perso la vita per mano di un uomo (marito, compagno, amante, “ex”). Una struggente antologia di monologhi in cui, per una volta, a parlare sono le donne, quelle che non hanno potuto farlo da vive o non ne hanno avuto la forza: come in una Spoon River del femminicidio, raccontano la loro versione dei fatti e si liberano da una catalogazione arida e fredda – i morbosi delitti passionali della cronaca nera – per riprendere vita e spessore.

Messo in scena in forma di lettura-evento, Ferite a morte ha visto, nel corso del tempo, numerose donne illustri di tutto il mondo – impegnate nella cultura, nello spettacolo, nella politica e nella società civile – dare voce a un immaginario racconto postumo delle vittime, creando un’occasione di riflessione e coinvolgimento dell’opinione pubblica, dei media e delle istituzioni.

“Tutti i monologhi di Ferite a morte – spiega Serena Dandini – ci parlano dei delitti annunciati, degli omicidi di donne da parte degli uomini che avrebbero dovuto amarle e proteggerle. Non a caso i colpevoli sono spesso mariti, fidanzati o ex, una strage familiare che, con un’impressionante cadenza, continua tristemente a riempire le pagine della nostra cronaca quotidiana. Dietro le persiane chiuse delle case di tutto il mondo si nasconde una sofferenza silenziosa e l’omicidio è solo la punta di un iceberg di un percorso di soprusi e dolore che risponde al nome di violenza domestica. Per questo pensiamo che non bisogna smettere di parlarne e cercare, anche attraverso il teatro, di sensibilizzare il più possibile l’opinione pubblica”.

Lella Costa, Orsetta de’ Rossi e Rita Pelusio si avvicendano sul palco per dare corpo a queste storie, alternando il linguaggio del dramma a quello leggero dell’ironia, in un gioco di contrasti che è proprio della scrittura della Dandini.

Uno spettacolo che arriva al cuore e alla coscienza degli spettatori, per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni circa un fenomeno che assomiglia sempre più a una strage, spesso passata sotto silenzio, come un destino ineluttabile riservato al genere femminile.

Biglietti in vendita presso: Biglietteria del Teatro (tel. 0481 494 664, da lunedì a sabato, ore 17-19), ERT di Udine, Biblioteca Comunale di Monfalcone, prevendite Vivaticket e on line su www.vivaticket.it. La Biglietteria del Teatro accetta prenotazioni telefoniche.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Passeggiata gratuita alla scoperta dei grandi imprenditori nella storia di Trieste

    • dal 20 agosto 2020 al 2 settembre 2021
    • Campo San Giacomo
  • "Ero uno zombie ma sono guarita", la battaglia di Anna contro l'anoressia diventa una mostra

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 30 aprile 2021
    • Leali delle Notizie
  • Il Verdi punta sui “Giovani talenti”: sei concerti con i professionisti del domani

    • dal 30 gennaio al 18 aprile 2021
    • Telequattro
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TriestePrima è in caricamento