"Immigrant song", al Miela la favola di Saramago sull'immigrazione

Luca Zaghet

Il  titolo del famosissimo brano dei Led Zeppelin, che  aveva apparentemente tutt'altro senso parlando della conquista dell’occidente da parte dei Vichinghi, qui  è  preso a prestito per parlare della non conquista dell’Occidente di oggi...  
Da parte di gente che muore per strada (o  per mare)... Lo spettacolo sembra chiedersi se per strada non sia morto l’Occidente stesso... Questo nuovo lavoro della Scuola Sperimentale dell’Attore non è esattamente un monologo, poiché le parole non sono molte, intrecciate con azioni coreografiche e simboliche che fanno pensare più a una ritualità che a un racconto. Un Pulcinella cantastorie ci regala, con tanto di mandolino, una favola di Josè Saramago sulla (impossibile) fine del mondo, ed evoca, in questa cornice, la presenza di un migrante dell’attualità, che a sua volta chiama sulla scena la figura Thomas Sankara, il carismatico leader rivoluzionario del burkina Faso “eliminato” nel 1987.

La storia si rivela man mano, mentre lo spettatore viene affascinato dall’intrigante intreccio di parole e gesti. E tra le ombre del detto e del danzato danno segno di sé diversi fantasmi “non protagonisti” della vicenda: il colonialismo e la regola onnipresente del capitale, il migrante fuggito da una politica violenta e tutti i migranti fuggiti da qualsiasi cosa deprima la speranza e la dignità umana. Con la lingua della bellezza e poesia, lo spettacolo contempla con delicatezza l’idea del declino di una civiltà, la nostra, rispetto alla quale il “Problema Migranti” è forse solo uno tra i sintomi più dolorosi. Il lavoro testimonia anche di una ricerca meticcia sui linguaggi d’attore, che trova una sua ragione nella tradizione di un impegno verso la specificità del teatro che la compagnia porta avanti da oltre trent’anni; una specificità che oggi più che mai deve attingere, senza pregiudizi e nemmeno senza superficiali pluralismi, alle eccellenze di ogni cultura.

con Lucia Zaghet
regia di Ferruccio Merisi 
consulenza artistica Associazione della Comunità Burkinabè del FVG
una produzione Scuola Sperimentale dell’Attore / L’Arlecchino Errante

organizzazione: Bonawentura

Ingresso € 8,00. www.vivaticket.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • #StopInvasione #noSharia blocco navale e terrestre, no all'invasione islamoafroasiatica. Proteggere la Patria dagli invasori. W Lepanto

  • ma se za me sta sui zebedei i migranti figurite pagar x veder quel che vedo in telegiornale... troppo pochi in mare e troppi sul barcone!!

  • che cugno....

  • incubo forse

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Passeggiata gratuita alla scoperta dei grandi imprenditori nella storia di Trieste

    • dal 20 agosto 2020 al 2 settembre 2021
    • Campo San Giacomo
  • Ciaspolade, degustazioni e tour: torna lo SkiBus Fvg per Sappada

    • dal 14 febbraio al 24 marzo 2021
  • "Ero uno zombie ma sono guarita", la battaglia di Anna contro l'anoressia diventa una mostra

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 30 aprile 2021
    • Leali delle Notizie
  • Il Verdi punta sui “Giovani talenti”: sei concerti con i professionisti del domani

    • dal 30 gennaio al 18 aprile 2021
    • Telequattro
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TriestePrima è in caricamento