rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Teatro / Barriera Vecchia - Città Vecchia / Piazza Giuseppe Verdi

Da Schubert a Stravinskij: ecco la nuova stagione sinfonica del Verdi

Sei concerti dal 3 settembre al 25 novembre. Il primo settembre il concerto della Gustav Mahler Jugendorchester, la più celebre orchestra giovanile del mondo

Da Schubert a Rachmaninov, da Paganini a Šostakovi?, passando per Stravinskij: questo e altro nella nuova stagione sinfonica del teatro Verdi, con sei concerti in scena dal 3 settembre al 25 novembre. La presentazione si è tenuta questa mattina alla presenza del sovrintendente Giuliano Polo e dal direttore Artistico Paolo Rodda, con il vicesindaco e assessore ai Teatri Serena Tonel. 

Sarà a breve annunciata la stagione lirica, mentre fino al 17 luglio è sncora in scena l'operetta "Il pipistrello". L’attività alla ripresa dalla pausa estiva si aprirà giovedì 1 settembre alle 20.30, con il concerto della Gustav Mahler Jugendorchester, la più celebre orchestra giovanile del mondo, un progetto del Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone. Sarà la leggenda vivente della direzione orchestrale, l’ultranovantenne Maestro svedese Herbert Blomstedt a guidare l'orchestra in un programma musicale che comprenderà la Sinfonia n.2 di Jean Sibelius e la Terza Sinfonia di Franz Schubert.

Il Direttore Artistico Paolo Rodda ha descritto quindi nel dettaglio i sei appuntamenti: “un programma musicale nel quale è significativa la presenza del sinfonismo tedesco dell’Ottocento con Schubert, Brahms e Bruckner, arricchita da una pagina del Novecento di Zemlinsky per soli, coro e orchestra. La musica francese è presente con la Sinfonia in re minore di César Franck , affidata alla bacchetta di Frédéric Chaslin.  Nei programmi dei due appuntamenti di novembre vi sono pagine del repertorio solistico quali il Concerto per pianoforte e orchestra n. 3 di Sergej Vasil’evi? Rachmaninov ed il Concerto per violoncello e orchestra n. 1 di Dmitrij Dmitrevi? Šostakovi?. Al giovanissimo violinista Giuseppe Gibboni, vincitore del Concorso Paganini nel 2021, è affidata l’esecuzione del Concerto n. 1 di Niccolò Paganini. La rassegna si conclude con l’esecuzione della Suite Petruška di Stravinskij, diretta da Gianna Fratta che debutta sul podio del Teatro Verdi. Gli interpreti protagonisti della Stagione, oltre all’Orchestra e al Coro della Fondazione e ai già citati Frédéric Chaslin, Giuseppe Gibboni e Gianna Fratta, saranno Hartmut Haenchen che dirigerà il concerto di apertura, Enrico Calesso, Nikolas Nägele, Mario Brunello, nella duplice veste di Direttore e Solista, Alessandro Taverna ed Ettore Pagano, diciannovenne vincitore il 13 giugno scorso della Khachaturian Cello Competition in Armenia”.

Programma

La programmazione inizierà sabato 3 settembre alle 20.30 con il concerto diretto da Hartmut Haenchen, con le musiche di Franz Schubert (Sinfonia n. 5 in si bem. magg. D. 485) e di Anton Bruckner  (Sinfonia n. 3 in re min. Wagner–Symphonie). Con l’Orchestra della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste. 

Il secondo concerto si terrà sabato 10 settembre alle 18, diretto da Enrico Calesso, con Giuseppe Gibboni al violino, con le musiche di Ludwig van Beethoven (Egmont ouverture in fa min. op. 84), di Niccolò Paganini (Primo Concerto in re magg. per violino e orchestra op. 6) e di Johannes Brahms (Sinfonia n. 4 in mi min. op. 98). Con l’Orchestra della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi. 

Terzo concerto sabato 1 ottobre, alle 18, diretto da Nikolas Nägele, con il Maestro del Coro Paolo Longo, con le musiche di Alexander von Zemlinsky (Salmo 83 per soli, coro e orchestra) e di Anton Bruckner (Sinfonia n. 4 in mi bem. magg. Romantische). Orchestra e Coro della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste.                                                                                                                                         

Quarto concerto venerdì 7 ottobre alle 20.30, direttore e violoncello solista Mario Brunello, con le musiche di Johann Sebastian Bach (Concerto in re magg.  BWV 1054, dal Concerto per violino BWV 1042 di J. S. Bach), di Carl Philipp Emanuel Bach (Concerto in la magg. per violoncello piccolo e orchestra H 439, W 172) e di Nino Rota (Ballabili dal film Il Gattopardo - Suite dal film Prova d’orchestra). Con l’Orchestra della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste.     

Quinto concerto sabato 19 novembre alle 18, diretto da Frédéric Chaslin, al violoncello Ettore Pagano. Con le musiche di Dmitrij Dmitrevi? Šostakovi? (Concerto per violoncello e orchestra n. 1 in mi bem. magg. op. 107), e di  César Franck (Sinfonia in re min). Con l’Orchestra della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste. 

Sesto e ultimo concerto venerdì 25 novembre alle 20.30, diretto da Gianna Fratta, al pianoforte Alessandro Taverna. Con le musiche di Sergej Vasil’evi? Rachmaninov          (Concerto per pianoforte e orchestra n. 3 in re min. op. 30) e di Igor’ Fëdorovi? Stravinskij (Petruška, “suite” da concerto n. 24). Con l’Orchestra della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste. 

Abbonamenti

La campagna abbonamenti inizia venerdì 15 luglio 2022 e si conclude sabato 3 settembre 2022. Abbonamenti partire da 59 euro. Sono attive tutte le agevolazioni per pubblico più giovane: Under 30 e giovani dai 30 ai 34 anni.  La vendita dei biglietti per i singoli concerti ha inizio giovedì 28 luglio 2022.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Schubert a Stravinskij: ecco la nuova stagione sinfonica del Verdi

TriestePrima è in caricamento