Un tuffo nel 1954: arriva il giallo firmato Tutto fa Broduei

Una villa in costiera, un maggiordomo troppo presente, un avvenente cameriera, una cuoca Neozelandese, sei sconosciuti invitati ad una cena ed una vittima designata. Sono tutti i buoni presupposti per un Giallo!
Ma in questo spettacolo però, oltre ad il Giallo, ci sono anche la Rossi, la Bianca, il Verdi, il Prugna e la signora Clementina, e tutti hanno un losco segreto da tener nascosto. Ma siamo nel 1954 in una Trieste gestita dal GMA dove lo spionaggio era all’ordine del giorno, e non tutti sono ciò che sembrano!
I Tutto Fa Broduei quest’anno vi propongono una sfida a Cluedo, definito “Il gioco poliziesco più venduto nel mondo”, dove “Occorre un detective dal fiuto infallibile” e “Si deve scoprire chi ha commesso il delitto”.

I Tutto fa Broduei

Prima del debutto nel genere giallo/noir, i Tutto fa Broduei si sono cimentati in varie serate sul tema organizzando delle “cene con delitto” dando modo ai registi Stefano Volo & Laura Vicenzotti di studiare le varie reazioni del pubblico difronte a temi seri come menzogne e morte, trattati però in chiave ironica.
Ovviamente non possiamo rivelare troppi indizi sulla storia ed i suoi protagonisti, ma la regia tiene a far sapere al pubblico che l’unico reale obiettivo per questa stagione 2019/2020, che tra le altre celebra il decennale dell’attività targata TUTTO FA BRODUEI è di stupire il pubblico, presentando uno spettacolo diverso dai precedenti, con dei arrangiamenti musicali e dei suoni (affidati ancora una volta a Maurizio Bressan) e delle coreografie (create da Sara D’Attoma) che strizzano l’occhio più al genere Musical che alla semplice commedia musicale; delle scenografie più astratte (curate sempre dall’artista Monica Kirkmyar) studiate per affidare alla fantasia dello spettatore l’ambientazione più adatta alla scena a cui stanno assistendo, ed una grafica promozionale (creata da Luca Martelli con il supporto fotografico di Diana Feresin) che riporti alla rappresentazione di un vero e proprio gioco di società piuttosto che ad uno spettacolo teatrale.

Da segnalare inoltre la presenza di Gabriella Lombardo per l’adattamento dei costumi e del trucco all’ambientazione anni ‘50 e l’ingresso dei nuovi elementi Veronica Bercarich e Nicholas Russo come staff tecnico.
Ad inscenare il gioco sul palco quest’anno Davide Heller, Giorgia Carli, Roberta Vidonis, Alessandro Gallitelli, Valentina Bruni, Gabriella Galli, Raffaele Acco, Francesca Grisonich, Stefano Buonfrate, Stefano Volo ed al suodebutto Massimo Spigolon. Mentre a gestire il gioco stesso ci saranno Francesco Bulli, Laura Vicenzotti ed Elena Bisel. Le regole del gioco ormai vi sono state svelate quindi non resta altro che dirvi…Signori, el delito xè servido!

Biglietti

Teatro Silvio Pellico di via Ananian - Trieste
31 gennaio-1-2/7-8-9/15-16 febbraio 2020
ORARIO: venerdi e sabato ore 20.30 - domenica ore 16.30
PARCHEGGIO: 1 ora prima dello spettacolo fino ad esaurimento.
BIGLIETTI: interi € 10,00 - ridotti € 8,00 - soci coop alleanza 3.0 e clienti Mediolanum € 8,00 esteso a tutte le fasce d'età - under 14 € 5,00. Diritti di prevendita € 1,00
PREVENDITA: Ticket Point Corso Italia 6/C - Trieste - tel.040.3498276-7 e alla cassa del teatro un'ora prima dello spettacolo.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Passeggiata gratuita alla scoperta dei grandi imprenditori nella storia di Trieste

    • dal 20 agosto 2020 al 2 settembre 2021
    • Campo San Giacomo
  • "Ero uno zombie ma sono guarita", la battaglia di Anna contro l'anoressia diventa una mostra

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 30 aprile 2021
    • Leali delle Notizie
  • Il dinosauro Big John sta per "prendere vita", riprendono le visite allo showroom

    • dal 23 al 20 aprile 2021
    • Showroom Zoic
  • L'Istituto Canossiano riavvia i centri estivi per i più piccoli, si parte il 5 luglio

    • dal 19 aprile al 3 settembre 2021
    • Istituto Canossiano
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TriestePrima è in caricamento