“L'Elisir d'amore”, il melodramma giocoso al teatro Verdi

Da venerdì 18 dicembre va in scena al teatro “Verdi” di Trieste “L'Elisir d'amore” di Gaetano Donizetti, uno dei  titoli più amati del repertorio romantico. A dirigere il terzo appuntamento della stagione lirica triestina sarà il Maestro giapponese Ryuchiro Sonoda

“L'Elisir d'amore” è un melodramma giocoso in due atti su libretto di Felice Romani, che a sua volta  aveva tratto ispirazione  da un testo scritto l'anno prima da Eugène Scribe per il compositore Daniel Auber, “Le Philtre” (Il filtro). La storia ruota attorno alle vicende dell'umile contadino Nemorino, innamorato di Adina ed incapace di dichiararsi. L'equilibrio viene bruscamente interrotto con l'arrivo di Dulcamara (il ciarlatano di Donizetti), che - fingendosi un dottore - vende a Nemorino un fantomatico elisir d'amore

Donizetti ebbe a disposizione solo quattordici giorni per consegnare il lavoro, sette dei quali servirono a Romani per adattare il testo di Scribe. Nonostante la gravosissima pressione, riuscì a confezionare uno degli esempi più alti dell'opera comica ottocentesca. Definita in partitura «melodramma giocoso», in essa trova spazio anche l'elemento patetico, che raggiunge la punta più alta nel brano più noto, l'aria “Una furtiva lagrima”.

Fin dal suo apparire ebbe un grande successo, con trentadue repliche consecutive. A farla immediatamente amare è in particolare l'inventiva melodica donizettiana, che sposa a meraviglia la vena buffa dell'opera e che è talvolta velata di malinconia, in particolare, come detto, nell'aria più celebre.
L'opera andò in scena per la prima volta il 12 maggio del 1832 a Milano, presso il Teatro della Cannobiana.


Venerdì 18 dicembre dunque la prima a Trieste con l'allestimento del teatro Regio di Torino, e la regia di Fabio Sparvoli. Le scene sono firmate da Saverio Santoliquido, i costumi sono di Alessandra Torella e le luci di Jacopo Pantani. Fra i giovani interpreti figurano il soprano Roberta Canzian nel ruolo di Adina, il tenore Leonardo Ferrando in quello di Nemorino. Il baritono Filippo Polinelli interpreta Belcore mentre Domenico Balzani sarà il buffo dottor Dulcamara.  “L'Elisir d'amore” replica fino al 30 dicembre

(Alessandra Ressa)

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Passeggiata gratuita alla scoperta dei grandi imprenditori nella storia di Trieste

    • dal 20 agosto 2020 al 2 settembre 2021
    • Campo San Giacomo
  • "Ero uno zombie ma sono guarita", la battaglia di Anna contro l'anoressia diventa una mostra

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 30 aprile 2021
    • Leali delle Notizie
  • Il Verdi punta sui “Giovani talenti”: sei concerti con i professionisti del domani

    • dal 30 gennaio al 18 aprile 2021
    • Telequattro
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TriestePrima è in caricamento