Dall'uomo di Neanderthal ad oggi, torna a Trieste il PalæoMovies Film Fest

Diciassette produzioni, tra film e documentari, narrano piccole e grandi storie, alcune riemerse dopo millenni dalla terra, altre che persistono tuttora in qualche luogo sperduto del pianeta. Un viaggio a ritroso nel tempo tra culture vicine e lontane per scoprire comportamenti, tradizioni e costumi dei nostri antenati.

Dopo il successo degli anni precedenti, torna a Trieste, dal 23 novembre al 1 dicembre 2019, il PalæoMovies Film Fest. Giunta alla V edizione, la rassegna mira a far conoscere al pubblico, attraverso il cinema documentario, le ricerche e le scoperte più recenti sulla preistoria dell’uomo. Un viaggio a ritroso nel tempo tra culture vicine e lontane per scoprire comportamenti, tradizioni e costumi dei nostri antenati.

Il festival, ricorda l'assessore alla Cultura, Giorgio Rossi, “rinnova ancora una volta la collaborazione tra Musei e Soprintendenza, una partnership importante che contribuisce anche alla valorizzazione e a una migliore conoscenza delle significative, e spesso uniche, collezioni scientifiche conservate al Museo di Storia Naturale”. Da parte sua la direttrice del Servizio Musei e Biblioteche, Laura Carlini Fanfogna, sottolinea “l'impegno riversato nell'iniziativa che di anno in anno cresce in termini di film proposti e di ospiti presenti. Una rassegna di alto valore scientifico e non per questo meno pensata per il pubblico più ampio cui sono destinati approfondimenti, conferenze e laboratori. Un obiettivo fortemente voluto dall'Amministrazione che mira a rendere i musei luoghi di incontro per tutti”.

Diciassette produzioni, tra film e documentari, narrano piccole e grandi storie, alcune riemerse dopo millenni dalla terra, altre che persistono tuttora in qualche luogo sperduto del pianeta. Tutte raccontano la lunga e complessa vicenda umana. Sempre introdotti e commentati da importanti esperti del settore e da alcuni dei registi, gli appuntamenti sono anche occasione per conoscere meglio le importanti collezioni del Museo di Storia Naturale, con particolare riguardo alla sezione dedicata all'evoluzione dell'uomo. Un approfondimento da non perdere è previsto per domenica 24 novembre, quando, alle ore 10.30, è in programma la conferenza del paleoantropologo Giorgio Manzi, professore a "La Sapienza" e uno dei maggiori esperti del settore, dal titolo "Homo sapiens: come siamo arrivati fin qui". Tentare di comprendere la storia umana prima della Storia (quella scritta) è una delle sfide più affascinanti della conoscenza scientifica. Nel tempo profondo ritroviamo anche il nostro posto nella natura ed è da lì che possiamo disegnare la genesi delle diversità fra gli esseri umani. E' uno studio che parte da ossa fossili, manufatti, siti preistorici e dati di biologia molecolare, portandoci a ricostruire le vicende di quel gruppo di scimmie bipedi che in Africa, milioni di anni fa, intrapresero il percorso evolutivo che ha poi dato origine alla nostra specie: la specie destinata a "rimanere sola" e ad affermare il proprio dominio sull'intero pianeta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ingresso a tutte le iniziative è gratuito fino ad esaurimento posti. Domenica 24 novembre, in occasione di Palaeomovies, non solo le iniziative ma anche il Museo di Storia Naturale sarà ad ingresso gratuito. Gratuito sarà, come da tradizione per le prime domeniche del mese, l'accesso di domenica 1 dicembre. Per informazioni più dettagliate sul programma: https://www.museostorianaturaletrieste.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, spopola sul web il nuovo grafico di un ricercatore di Trieste

  • Coronavirus, numeri choc alla casa di riposo La Primula: 39 su 40 positivi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

  • Coronavirus, Trieste tra le città più colpite del Nordest

Torna su
TriestePrima è in caricamento