menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Soviet Hippies

Soviet Hippies

Trieste Film Festival: "L'uomo con la lanterna" vince il Premio Salani, a "Soviet Hippies" il Premio Sky Arte HD

Menzione speciale a "Country fot old men" di Pietro Jona e Stefano Cravero

È SOVIET HIPPIES della regista estone Terje Toomistu il vincitore del Premio Sky Arte HD assegnato al miglior film della sezione Art&Sound del 29. Trieste Film Festival, in corso fino al prossimo 28 gennaio. Si è tenuta ieri, 22 gennaio, l'Opening night al Politeama Rossetti con le prime premiazioni. 

Soviet Hippies, è una corsa selvaggia attraverso il "potere dei fiori" che, sulle orme del movimento hippie sovietico, ci guida alla scoperta del mondo underground e psichedelico degli anni '70 dall'altro lato della Cortina di ferro. All'interno del sistema sovietico, una folla variopinta di artisti, musicisti, fricchettoni, vagabondi e di altri emarginati con i capelli lunghi creò il proprio sistema, che teneva insieme tutti coloro che credevano nella pace, nell'amore e nella libertà per il corpo e per l'anima. Più di 40 anni dopo, un gruppo di eccentrici hippie estoni va a Mosca dove ogni anno, il 1° giugno, si tiene un raduno per celebrare un tragico evento del 1971, quando migliaia di hippie sovietici furono arrestati dal KGB. Un viaggio nel tempo e nello spazio, che cerca di penetrare nel mondo underground e psichedelico di una generazione e nella sua lotta per la libertà.

La sezione Trieste FF Art&Sound è promossa in collaborazione con Sky Arte, che premia il film vincitore con l'acquisizione e la diffusione sul canale.

Per il Premio Corso Salani, la giuria composta da Maria Bonsanti, Francesco Giai Via e Cinzia Masotina ha scelto L'UOMO CON LA LANTERNA di Francesca Lixi, che «con uno sguardo elegante e creativo, parte dall’autobiografia per raccontare un capitolo poco conosciuto della storia del XX secolo». Sceneggiato in collaborazione con Wu Ming 2, L'uomo con la lanterna racconta infatti, attraverso foto, documenti e filmati inediti, la storia di Mario Garau, un bancario sardo distaccato nel 1920 in Cina dal Credito Italiano per lavorare come funzionario della Italian Bank for China, negli uffici di Tientsin e di Shanghai.

La giuria ha anche segnalato con una menzione speciale COUNTRY FOR OLD MEN di Pietro Jona e Stefano Cravero, che «con sensibilità e precisione, racconta le tante contraddizioni e sfaccettature degli Stati uniti di Trump, attraverso una storia di inedita migrazione».

La selezione del Premio Corso Salani presenta cinque film italiani completati nel corso del 2017 e ancora in attesa di distribuzione: la dotazione del Premio (2mila euro) va intesa quindi come incentivo alla diffusione nelle sale del film vincitore. Immutato il profilo della selezione: opere indipendenti, non inquadrabili facilmente in generi o formati e per questo innovative, nello spirito del cinema di Salani.

Al termine delle premiazioni è stato proiettato il film Djam di Tony Gatlif. Sul palco l'attrice protagonista ha presentato il film soffermandosi su divertenti aneddoti avvenuti durante il casting.

Il film, molto apprezzato dal pubblico per i lunghi applausi finali, è un inno alla libertà attraverso gli occhi di Djam, una giovane ragazza greca. La musica e il canto diventano la sua forza quando deve affrontare un viaggio insolito a Istanbul per cercare un pezzo raro del motore della loro barca. Parla di speranza, di gioia e valori che assumono un'importanza fondamentale quando si presenta la necessità di ripartire e ricominciare dopo un'avversità. Film divertente con una sottile malinconia ma che trionfa con la vita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Cucina di mare: la ricetta delle canocie in busara

Cura della persona

Scrub fai da te: la ricetta super naturale per labbra perfette

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento