"Invito a Palazzo": la Fondazione Carigo apre le porte del suo caveau a Gorizia

Invito a Palazzo rinnova il suo appuntamento per l’autunno 2017, a Gorizia, nella sede della Fondazione Carigo: con un prezioso valore aggiunto che sabato 7 ottobre sarà offerto a tutti i cittadini, la possibilità di percorrere dall’interno il caveau della Fondazione - senza limitarsi ad osservarne i contenuti dietro alla grata, come lo scorso anno – con la consulenza di una guida specializzata che ne illustrerà i contenuti, dai pegni ed effetti personali del Monte di pietà, rimasti in consegna e sedimentati dai secoli scorsi, alle opere artistiche acquisite nel tempo.
Appuntamento quindi alle 10.30, alle 12, alle 14, alle 15 e alle 18 all’ingresso di via Carducci 2 a Gorizia, con visita guidata che include l’ingresso nel caveau (accesso tramite scale),
agli uffici con opere di Spazzapan e Tominz ed alla biblioteca della Fondazione.

La visita prevede una introduzione sulla storia del Palazzo e sul funzionamento del Monte di Pietà che vi aveva sede.
Nel caveau saranno visibili alcuni esempi dei beni che venivano portati in pegno: oggetti di oreficeria popolare, di oreficeria borghese, gioielli, oggetti di bigiotteria, argenteria, orologi. Si tratta di pegni residui, ovvero mai rivendicati dai proprietari e dunque mai restituiti. Sono spesso di grande valore affettivo: fedi, ciondoli con fotografie di persone amate, talvolta addirittura contenenti ciocche di capelli, e gioielli di varia natura, come il bracciale che riporta inciso “Anna” (presumibilmente il nome della proprietaria).
Verranno inoltre mostrati i registri e i “viglietti” che venivano utilizzati nella procedura di ritiro del bene e riscossione del credito. La partecipazione è gratuita previa prenotazione a Fondazione Carigo: 0481/537111 int. 2 - da lun a giov 8-13.30, 14.30-16.30 - indicando l'orario della visita prescelta.
Nel caveau è anche custodito il patrimonio artistico della Fondazione: alcune delle opere più significative, e diverse opere della collezione Spazzapan saranno per l’occasione esposte al primo piano del palazzo.

Inoltre sabato 7 ottobre, alle 16, nella sede della Fondazione Carigo è prevista la presentazione del volume “Pinochio”, traduzione in lingua bisiaca del romanzo di Collodi, a cura  dell'Associazione culturale Bisiaca.
L’ingresso è aperto alla città così come per la visita delle 17 alla mostra “Gorizia magica. Libri e giocattoli per ragazzi (1900-1945)”, l’evento espositivo di scena fino al 7 gennaio 2017 nella sede della Fondazione. I nuovi materiali esposti in questi giorni resteranno visitabili fino al 5 novembre nel
la sezione “Dai nostri scaffali: i ricordi dei bambini di ieri e degli appassionati di oggi”, interamente riservata a Tamara Badini, collezionista di Torino ma di origine goriziana, che espone una parte della sua collezione di libri e materiali inerenti all’infanzia, databili dalla seconda metà dell’Ottocento agli anni ’50 del Novecento. Il materiale orienterà i visitatori nell’affascinante mondo dell’illustrazione e della letteratura infantile, accompagnando in un fantastico viaggio attraverso “Pinocchio in Italia” e“Alice in wonderland”, facendo riaffiorare in qualcuno ricordi di libri letti in tempi lontani e ormai dimenticati.

Ed è dedicata alle famiglie e ai bambini la giornata di domenica 8 ottobre 2017. La mostra aderisce infatti alla IV Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo organizzata da Kids Art Tourism.
Previsti tre laboratori, gratuiti e su prenotazione
(Cooperativa Musaeus: 348/2560991). Alle 10 "Angoli e triangoli" per bambini dai 4 ai 6 anni, alle 15.30 e alle 17.30 appuntamento per i bambini dai 6 agli 11 anni con "Un cartone in...filato". Infine, alle 17, la visita guidata alla mostra per tutta la famiglia (partecipazione libera senza prenotazione).
Curata da Simone Volpato (Libreria Antiquaria Drogheria 28) e da Marco Menato (direttore della Biblioteca Statale Isontina) e realizzata in collaborazione con la Ludoteca del Comune di Gorizia e la Biblioteca “Feigel” di Gorizia, la mostra “Gorizia magica” è una potente macchina dell’immaginazione che ricostruisce la Gorizia letteraria della prima metà del XX secolo, dove Carlo Michelstaedter e Carolina Coen Luzzatto scrivevano fiabe. La mostra resta visitabile con ingresso libero il mercoledì dalle 16 alle 19, sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 14 e dalle 15 alle 19. Info www.fondazionecarigo.it

fondazione carigo-2

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Passeggiata gratuita alla scoperta dei grandi imprenditori nella storia di Trieste

    • dal 20 agosto 2020 al 2 settembre 2021
    • Campo San Giacomo
  • Ciaspolade, degustazioni e tour: torna lo SkiBus Fvg per Sappada

    • dal 14 febbraio al 24 marzo 2021
  • "Ero uno zombie ma sono guarita", la battaglia di Anna contro l'anoressia diventa una mostra

    • da domani
    • Gratis
    • dal 1 marzo al 30 aprile 2021
    • Leali delle Notizie
  • Il Verdi punta sui “Giovani talenti”: sei concerti con i professionisti del domani

    • dal 30 gennaio al 18 aprile 2021
    • Telequattro
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TriestePrima è in caricamento