Nulla osta, la procedura da seguire per cambiare scuola

Sebbene prima di qualsiasi scelta ogni studente valuti con attenzione le varie opzioni al fine di intraprendere il percorso di studi più adeguato alle proprie esigenze, può comunque capitare di cambiare idea. Cambiare indirizzo scolastico è possibile, basta seguire una certa procedura burocratica

Oggi parliamo di iscrizioni scolastiche. Sebbene prima di qualsiasi scelta ogni studente valuti con attenzione le varie opzioni al fine di intraprendere il percorso più adeguato alle proprie esigenze e alla formazione che vorrà ricevere, può comunque accadere che, dopo dopo un po' di tempo ci si ritrovi a cambiare totalmente idea. Le motivazioni potrebbero essere svariate, ma come rimediare? Scopriamolo.

Come cambiare scuola

La norma di riferimento riguardo ai cambi di scuola, è l’art. 4 del R.D. n.653 del 1925. Cambiare indirizzo scolastico è semplice, basta richiedere il nulla osta. La procedura burocratica prevede che venga semplicemente presentato un documento di identità, la richiesta di iscrizione e il modulo del nulla osta.

Come richiedere il nulla osta

Per prima cosa bisogna far pervenire la richiesta direttamente al Dirigente scolastico dell'istituto che si vorrebbe frequentare, inserendo anche le ragioni del perché si desidera cambiare indirizzo, le motivazioni potrebbero essere molteplici, l'importante è che siano valide; subito dopo ci si dovrà recare nella segreteria della propria scuola, muniti del proprio documento di identità e richiedere il modulo di nulla osta; infine, bisogna compilare il modulo e aspettare che il Dirigente scolastico valuti la domanda. Lo studente, quindi, dovrà presentare la richiesta di iscrizione alla nuova scuola, motivata e completa di nulla osta. Sarà poi la scuola di provenienza ad inviare alla scuola di destinazione la documentazione completa.

Tempistiche

Le tempistiche dipendono dalla scuola. Se, ad esempio, lo studente sceglie di cambiare scuola nel primo quadrimestre, è consigliabile non aspettare la fine di quest'ultimo. L'ideale sarebbe richiederlo in questo periodo, dalla fine di novembre o entro i primi di dicembre, in modo da non compromettere l'intero anno scolastico. Se, invece, si sceglie di richiedere il cambio a giugno, è meglio procedere alla conclusione dell'anno scolastico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Università: calano gli iscritti ai corsi di laurea più richiesti dal mercato del lavoro

  • Maturità 2020, obbligatorie prove Invalsi ed ex alternanza scuola-lavoro

  • Niente più ansia da esame, i consigli per sconfiggerla

  • Come si diventa istruttore cinofilo, il percorso formativo

  • Nulla osta, la procedura da seguire per cambiare scuola

  • Cultura alimentare, rinnovato il progetto “Dall'orto alla tavola. L'educazione alimentare nelle scuole triestine"

Torna su
TriestePrima è in caricamento