rotate-mobile
Tutte le informazioni

Riduzione delle rette di frequenza per i servizi di prima infanzia: come fare domanda

La Regione Friuli Venezia Giulia promuove l'accesso a nidi, servizi educativi domiciliari, spazi gioco, centri per bambini e genitori e servizi sperimentali accreditati, sostenendo le famiglie nel pagamento delle rette di frequenza. Ecco come fare domanda

Sono attive le procedure per presentare domanda per ottenere i contributi per il pagamento di nidi, servizi educativo e spazi gioco: la Regione Friuli Venezia Giulia promuove infatti l'accesso a nidi, servizi educativi domiciliari, spazi gioco, centri per bambini e genitori e servizi sperimentali accreditati, sostenendo le famiglie nel pagamento delle rette di frequenza.

Quando fare domanda

Per l'anno educativo 2022/2023, che inizierà il 1° settembre 2022 e si concluderà il 31 agosto 2023, le richieste del beneficio vanno presentate dal genitore in possesso sia dei requisiti d’accesso e sia di quelli che ne determinano l’intensità più favorevole, esclusivamente per via telematica, tramite il sistema IOL (Istanze OnLine), dal 31 marzo 2022 al 31 maggio 2022.

Le domande possono essere presentate anche dal 1° giugno 2022 al 30 giugno 2023, ma saranno inserite in lista d’attesa e accolte sulla base della disponibilità di risorse finanziarie in capo al Servizio Sociale del Comune territorialmente competente, seguendo l’ordine cronologico di invio delle stesse. Per beneficiare dell’abbattimento rette il bimbo deve essere iscritto a un servizio educativo per la prima infanzia accreditato.

Requisiti

La riduzione della retta di frequenza spetta ai nuclei familiari in possesso dei seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda:

  • residenza o attività lavorativa in regione da almeno 12 mesi continuativi di almeno uno dei genitori;
  • valore dell’Isee pari o inferiore a euro 50.000.

Il beneficio è inoltre riconosciuto alle madri di figli minori, residenti o che lavorino nel territorio regionale da almeno un anno continuativo, inserite in un percorso personalizzato di protezione e sostegno all’uscita da situazioni di violenza debitamente attestato, anche in assenza di presentazione di dichiarazione Isee.

I bambini devono essere già iscritti a uno dei servizi educativi accreditati per la prima infanzia e deve essere presentata una domanda per ciascun figlio iscritto. 

Come fare domanda

Per accedere all’abbattimento delle rette è necessario che il genitore richiedente, in possesso sia dei requisiti d’accesso e sia di quelli che ne determinano l’intensità più favorevole, presenti domanda ai Servizi Sociali dei Comuni territorialmente competenti esclusivamente per via telematica tramite il sistema IOL (Istanze OnLine). Bisogna autenticarsi tramite SPID (Sistema pubblico di identità digitale), CRS (Carta regionale dei servizi) o CIE (Carta d’identità elettronica italiana).

A quanto ammonta l'agevolazione

L’entità del beneficio mensile, che verrà pubblicata sul sito, è determinata annualmente con delibera della Giunta regionale in base al tipo di servizio frequentato e alle ore di frequenza.

Per i nuclei familiari con un unico figlio minore (Isee fino a 50.000 euro) la misura è stabilita fino a un massimo di 250 euro per la frequenza a tempo pieno e fino a un massimo di 125 euro per la frequenza a tempo parziale.

Per i nuclei familiari con due o più figli minori (Isee fino a 50.000 euro) la misura è stabilita fino a un massimo di 450 euro per la frequenza a tempo pieno e fino a un massimo di 225 euro per la frequenza a tempo parziale. Il beneficio è ridotto del 50 per cento se il genitore richiedente, componente il nucleo familiare, è residente o presta attività lavorativa nel territorio regionale da meno di 5 anni continuativi.

Per maggiori informazioni vai alla fonte: Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riduzione delle rette di frequenza per i servizi di prima infanzia: come fare domanda

TriestePrima è in caricamento