Scuola

Covid-19: cosa prevede il protocollo di sicurezza per la scuola

Un documento stilato dall'Istituto superiore di sanità per garantire la sicurezza di tutti gli studenti: ecco cosa prevede il protocollo di sicurezza per la scuola

Foto d'archivio

Il ritorno in classe è sempre più vicino per gli studenti e per qualcuno è già avvenuto. Una faccenda che ha causato non pochi problemi e dibattiti quest'anno a causa dell'emergenza Covid-19. Le preoccupazioni sono tante, ma la voglia di ripartire, e in tutta sicurezza, anche. Proprio per far fronte alle problematiche che potrebbero presentarsi nel corso dell'anno scolastico è stato pensato un protocollo di sicurezza per la scuola, un documento stilato dall'Istituto superiore di sanità per garantire la sicurezza di tutti gli studenti.

Protocollo di sicurezza: cosa prevede

Il protocollo spiega punto per punto come gestire l'eventuale diffusione del coronavirus nelle scuole e come affrontare le riaperture in massima sicurezza. Tra i primi punti prevede un controllo della temperatura da parte dei genitori per i propri bambini e/o ragazzi prima di mandarli in classe. Sempre i genitori, in caso di assenze legate a motivi di salute riconducibili al Covid-19, devono segnalare alla scuola l'accaduto.

Se uno studente, invece, inizia a manifestare sintomi a scuola (come febbre o tosse), andrà subito isolato in un'area apposita, assistito da un adulto, che dovrà indossare la mascherina chirurgica. Poi, i genitori devono essere immediatamente allertati per riportare a casa il figlio e contattare il pediatra o il medico di base. Quest'ultimo, dopo avere valutato la situazione, deciderà se è necessario o meno contattare il dipartimento di prevenzione per eseguire un tampone. Se questo dovesse risultare positivo, si procederà all'identificazione dei contatti e si valuteranno le misure da seguire, tra cui la quarantena per i compagni di classe, agli insegnanti o altri soggetti entrati in stretto contatto. Ancora, il protocollo prevede una sanificazione straordinaria degli ambienti. Se il tampone è negativo, bisognerà ripetere il test dopo 2-3 giorni.

Referente Covid

Inoltre, nel protocollo è stato inserita anche la figura di un referente scolastico per il Covid-19, che deve essere adeguatamente formato e che avrà il compito di tenere un registro degli alunni e del personale di ciascuna classe e di ogni contatto che possa intercorrere tra gli alunni e il personale di classi diverse. L'obiettivo? Facilitare l'identificazione dei contatti stretti in caso di positività. Altro compito è quello di monitorare le assenze e di assumere un ruolo di interfaccia con il dipartimento di prevenzione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid-19: cosa prevede il protocollo di sicurezza per la scuola

TriestePrima è in caricamento