rotate-mobile
Ecco come partecipare

Al via la "Settimana Nazionale Nati per Leggere" per tutelare il diritto alle storie dei bambini

Al via il 19 novembre la Settimana nazionale Nati per Leggere: in tutt'Italia iniziative per prevenire la povertà educativa e garantire il diritto di bambini e bambine a una vita piena

Ogni bambino e ogni bambina ha il diritto di essere protetto e protetta non solo dalla malattia e dalla violenza ma anche dallo svantaggio socio-culturale e dalla povertà educativa. E grazie alle pagine dei libri e alle parole delle storie è possibile farlo. Le storie, con le loro parole e loro immagini, sono una fonte inesauribile di stimoli che, se offerti precocemente e con continuità, incidono profondamente sull’itinerario di vita di ogni persona.

L'evento dedicato

Le storie diventano così quel diritto che Nati per Leggere si impegna a diffondere e a garantire a tutte le bambine e a tutti i bambini: per questo nel 2014 è stata istituita la Settimana nazionale Nati per Leggere, per promuovere il diritto alle storie delle bambine e dei bambini. Quest'anno si terrà dal 19 al 27 novembre, in un periodo come di consueto scelto per la sua vicinanza alla Giornata Internazionale dei diritti dell'Infanzia e dell'adolescenza, che si celebra il 20 novembre. In quei giorni bibliotecari, pediatri, educatori, operatori e volontari di Nati per Leggere, che è un programma presente in tutte le regioni italiane sviluppato dall'Associazione Culturale Pediatri (ACP), dall'Associazione Italiana Biblioteche (AIB) e dal Centro per la Salute del Bambino (CSB), organizzeranno momenti di letture e seminari di sensibilizzazione per le famiglie e inviteranno adulti e bambini a leggere - con l'aiuto di tre dadi, predisposti per l'occasione e scaricabili gratuitamente (a questo link: https://www.natiperleggere.it/settimana-nazionale-npl.html) - storie capaci di tessere e ricreare legami a partire dalla voce, potentissimo strumento di relazione.

Afferma infatti Stefania Manetti, presidente di ACP/Associazione Culturale Pediatri: «Non sorprende il fatto che un bebè preferisca la voce della sua mamma. Dalla pancia, una bambina o un bambino ascoltano la voce della loro mamma attraverso i suoni e le vibrazioni e alla nascita la identificano subito. Diversi studi hanno dimostrato l'enorme potenza della voce materna sui bebè nel ridurre i livelli di cortisolo (l’ormone dello stress) e nell’aumentare quelli dell’ossitocina, l’ormone dell’attaccamento. Nell’ascolto della voce della mamma si attivano alcune zone del cervello che danno via nei bebè al percorso “ultra specialistico” dello sviluppo linguistico. È la voce della mamma che nei primi giorni e mesi di vita precede l’ascolto della lettura di un libro, traccia un percorso di avvicinamento alla lettura in famiglia, con mamma e papà. Nati per Leggere riassume tutto questo nel suo logo: la relazione, l’ascolto, l’attaccamento, l’attenzione…il riconoscimento. Oggi le neuroscienze, che aggiungono sempre tasselli a questo affascinante mondo che riguarda lo sviluppo nei primi anni di vita, conferiscono alla voce materna un segnale biologico fondamentale per i bambini e ne sottolineano la centralità riguardo molteplici aspetti dello sviluppo neuro evolutivo».

Una consapevolezza che non deve tuttavia deresponsabilizzare i padri, come ricorda Giorgio Tamburlini, presidente del CSB/Centro per la Salute del Bambino: «Le evidenze scientifiche ci dicono che la pratica della lettura precoce in famiglia, quando sostenuta anche dai padri, ha dei benefici aggiuntivi per lo sviluppo cognitivo e psico-affettivo del bambino e per la relazione tra padri e figli, mettendo in gioco le emozioni di grandi e piccini.» Per questo motivo va sostenuta e incentivata, per questo la Settimana Nati per Leggere è un'occasione preziosa, perché come dichiara Rosa Maiello, presidente nazionale di AIB/Associazione Biblioteche Italiane «il diritto di leggere, il diritto alla partecipazione culturale comincia dalla primissima infanzia, quando si pongono le basi per lo sviluppo della competenza alla lettura, e appartiene a tutti i bambini e a tutte le bambine, nessuno e nessuna esclusi: la settimana Nati per Leggere è la settimana nazionale del diritto alla lettura dei più piccoli, perché sia praticato per tutto l'anno!».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via la "Settimana Nazionale Nati per Leggere" per tutelare il diritto alle storie dei bambini

TriestePrima è in caricamento