Venerdì, 22 Ottobre 2021
Scuola

Studio: la tecnica del mandarino per trovare la giusta concentrazione

Per studiare c'è bisogno la giusta concentrazione. Tra le tecniche di concentrazione più efficaci, oggi vi parliamo della "tecnica del mandarino", nota per la sua semplicità e il suo impatto. Scopriamo come funziona e quali sono i benefici

Per studiare in modo efficace bisogna sicuramente trovare la giusta concentrazione, ma questo non è sempre facile. Fortunatamente, però, esistono diverse tecniche per attivare la mente e rendere lo studio più proficuo. Tra le tecniche di concentrazione più efficaci, oggi vi parliamo della "tecnica del mandarino", nota per la sua semplicità e il suo impatto. Scopriamo come funziona.

Cos'è e come applicarla

Nota anche come "the tangerine technique", la tecnica del mandarino consiste essenzialmente in una pratica forse bizzarra, ma che ha la capacità di aumentare la concentrazione. Per applicarla bisogna seguire alcuni semplici passi:

  • Immaginate di stringere in mano un mandarino immaginario. Concentratevi sui dettagli: la consistenza del mandarino, il suo odore, il suo peso, la sua temperatura.

  • Passate il mandarino da una mano all’altra.

  • Afferrate il mandarino con la mano destra e portatelo a toccare la parte posteriore della testa. Lasciate il mandarino in questa posizione.

  • Chiudete gli occhi e lasciate che il mandarino galleggi in equilibrio. Concentrateti sul vostro stato fisico e mentale.

  • Sempre con gli occhi chiusi immaginate che il vostro campo visivo si espanda e riesca ad abbracciare tutto ciò che vi circonda.

Benefici

Sembra veramente strano vero? Ma si dice che questo sia un modo per apprendere meglio. Tra i diversi benefici apportati da questa tecnica ricordiamo:

  • aumentare il coordinamento nella pratica sportiva;

  • migliorare la memoria;

  • trovare la concentrazione;

  • aumentare la creatività.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studio: la tecnica del mandarino per trovare la giusta concentrazione

TriestePrima è in caricamento