rotate-mobile
I dati / Cologna - San Giovanni / Piazzale Europa, 1

Migliori università: UniTS prima in regione e quarta in Italia

L'Università degli Studi di Trieste si conferma prima in Regione e al quarto posto in Italia nella classifica degli atenei di medie dimensioni stilata da Censis

Anche quest’anno sono disponibili le classifiche delle università italiane elaborate dal Censis e diventate ormai un appuntamento annuale a supporto dell’orientamento di migliaia di studenti pronti a intraprendere la carriera universitaria. Si tratta di un’articolata analisi del sistema universitario basata sulla valutazione degli atenei (statali e non statali, divisi in categorie omogenee per dimensioni) relativamente a: strutture disponibili, servizi erogati, borse di studio e altri interventi in favore degli studenti, livello di internazionalizzazione, comunicazione e servizi digitali, occupabilità. A questa classifica si aggiunge il ranking dei raggruppamenti di classi di laurea triennali, dei corsi a ciclo unico e delle lauree magistrali biennali secondo la progressione di carriera degli studenti e i rapporti internazionali. Complessivamente si tratta di 69 graduatorie, a partire da 924 variabili considerate, che possono aiutare i giovani e le loro famiglie a individuare con consapevolezza il percorso di formazione.

Alcuni dati sulle immatricolazioni

Sono di più i maschi (-3,2 per cento) delle femmine (-2,6 per cento) a decidere di non proseguire gli studi. E sono gli atenei del Sud a registrare la variazione negativa più marcata: -5,1 per cento, equivalente a oltre 4.900 immatricolati in meno. Seguono gli atenei delle regioni del Centro (-2,9 per cento) e del Nord-Ovest (-2,3 per cento). Quelli del Nord-Est (-0,1 per cento) sono gli unici a registrare una stabilità nelle nuove iscrizioni rispetto all’anno precedente. I corsi afferenti alle discipline Stem (Science, technology, engineering and mathematics) sono quelli in cui si è registrata la minore riduzione di nuovi iscritti (-0,9 per cento). Otto rettori su dieci sostengono che la crisi economica è la causa principale del calo delle immatricolazioni.

La classifica dei medi atenei statali

Apre la classifica dei medi atenei statali (da 10.000 a 20.000 iscritti) l’Università di Siena, che con 96,7 punti si guadagna la prima posizione, detenuta lo scorso anno dall’Università di Trento, che con 94,8 punti scende in terza posizione a causa della perdita di 10 punti nell’indicatore relativo all’occupabilità. È preceduta dall’Università di Sassari (96,0), che guadagna una posizione grazie all’incremento di 15 punti nell’indicatore relativo a borse di studio e altri servizi in favore degli studenti. Stabile in quarta posizione c’è l’Università di Trieste (94,5), che precede l’Università di Udine (94,0). Scende di una posizione l’Università Politecnica delle Marche (91,2), seguita dall’Università di Brescia (88,5). L’Università del Salento (87,0) scende dalla sesta all’ottava posizione, seguita dall’Università di Urbino Carlo Bo (84,8), stabile in nona. Guadagna una posizione l’Università dell’Insubria (83,3), decima in graduatoria. L’Università di Foggia è undicesima (82,3), dodicesima l’Università del Piemonte Orientale (82,0). Chiude il ranking l’Università di Napoli Parthenope (77,3), preceduta dall’Università di Napoli l’Orientale (78,2) e dall’Università di Catanzaro (79,0).

L'Università di Trieste

Dunque l'Università degli Studi di Trieste si conferma prima in Regione e al quarto posto in Italia nella classifica degli atenei di medie dimensioni stilata da Censis. La valutazione ottenuta dal nostro Ateneo è 94,5 e registra un miglioramento di oltre due punti rispetto all’anno scorso (92) che porta il nostro ateneo a guadagnare una posizione nella graduatoria generale.

La classifica, stilata prendendo in considerazione gli atenei tra i 10mila e 20mila iscritti, prende in esame sei voci: servizi, borse di studio, strutture, comunicazione e servizi digitali, internazionalizzazione e occupabilità.

Le graduatorie possono essere esaminate nel dettaglio nella sezione del sito web del Censis (www.censis.it), dove si possono interrogare in funzione dei personali obiettivi e percorsi di studio. Sul sito sono consultabili anche le classifiche della didattica delle lauree triennali, delle magistrali a ciclo unico e delle lauree magistrali biennali (rispettivamente raggruppate in 15, 7 e 14 gruppi disciplinari) ed è disponibile la metodologia utilizzata per la classificazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migliori università: UniTS prima in regione e quarta in Italia

TriestePrima è in caricamento