fratelli d'italia muggia attacca il sindaco: "nesladek prometti che ora ti dimetti"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

"Nesladek prometti che ora ti dimetti" è lo striscione appeso stasera sul cancello della caserma di Lazzaretto, dove verranno accolti i profughi/clandestini come da notizia confermata sui giornali qualche giorno fa. "Il nostro consiglio, per un sindaco che non rispetta la parola data, é il dare le dimissioni immediate - dichiara Daniele Mosetti, consigliere comunale di Fratelli d'Italia. I muggesani si aspettavano maggior responsabilità da parte del sindaco che invece ha disatteso le indicazioni unanimi del Consiglio Comunale su un tema fondamentale per la sicurezza dei residenti, convocando un Consiglio comunale aperto, dove semplicemente riferirà quanto espresso dal prefetto venerdì scorso."

"Il sindaco Nesladek aveva promesso di far partecipare nelle forme previste la popolazione per tutte le decisioni che dovevano riguardare le strutture pubbliche a Muggia. Invece ha deciso di rimanere in silenzio come ha fatto in questi mesi, accettando l'accoglimento indiscriminato presso l'ex caserma della Polizia, rispondendo esclusivamente alla sua linea politica di partito. "conclude Mosetti.

Thomas Bulzis, responsabile provinciale di Gioventù Nazionale, movimento giovanile di Fratelli d'Italia, continua: "Al PD muggesano e triestino il pericolo che corre la popolazione di Lazzaretto, zona tranquilla dove vivono numerose famiglie con molti ragazzi come noi, sembra non essere un problema. La sicurezza e la possibilità che i  ragazzi avevano di tornare a casa da soli perché Lazzaretto era una zona tranquilla e i genitori è svanita. Ora giustamente i genitori sentono che i loro figli non sono al sicuro. Fa tristezza prendere atto che a una forza politica sia più importante garantire un guadagno alle cooperative rosse che salvaguardare la sicurezza dei suoi cittadini"

Torna su
TriestePrima è in caricamento