menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due nuove stazioni in porto vecchio, Trieste "scommette" sul bike sharing

Sono state presentate ufficialmente oggi 24 settembre le ultime postazioni in prossimità di viale Miramare e del polo museale. Operazione realizzata grazie a fondi europei. Il Comune spinge le attività economiche a far parte della rete

Il bike sharing a Trieste amplia il suo raggio d’azione con venti nuove biciclette. Da oggi 24 settembre i triestini e i turisti potranno contare sulle due nuove stazioni di porto vecchio che sono state inaugurate ufficialmente questa mattina. Messe in piedi grazie ad un finanziamento europeo di circa 140 mila euro, entrambe le postazioni portano a 12 gli stop and go di BiTS, la rete di mobilità sostenibile a basso costo che da febbraio ha registrato oltre 8700 iscritti, circa 65mila viaggi e una media di 430 spostamenti giornalieri.

"Incentivare la mobilità sostenibile"

“In un momento di cambiamenti della mobilità cittadina – ha spiegato l’assessore comunale all’Urbanistica Luisa Polli – l’inaugurazione di queste due nuove ciclostazioni rappresenta una grande soddisfazione. Dobbiamo sempre più incentivare l’utilizzo del bike sharing da parte dei cittadini ma anche delle persone che visitano la nostra città”.

Muoversi in città durante la Barcolana

La presentazione delle postazioni precede di due settimane la Barcolana. “Averle a disposizione in questo periodo – ha ribadito l’esponente leghista – aggiunge una importante possibilità per i tanti turisti che verranno a Trieste per assistere alla regata e, più in generale, a godersi gli eventi a terra della manifestazione”. L’assessore ha lanciato un appello, emerso anche a causa dei casi di danneggiamento, nei confronti dei tanti che utilizzano le biciclette. “La raccomandazione è di comportarsi civilmente e di rispettare il servizio che viene offerto”.

Le possibilità future: alberghi e aziende?

Il bike sharing, sempre secondo la Polli, potrebbe non fermarsi qui. “In un periodo in cui siamo concentrati sulla necessaria ripresa economica del Paese, mi rivolgo anche alle attività economiche come gli alberghi o alle aziende: installare alcune stazioni dei bike sharing in prossimità delle proprie strutture potrebbe rappresentare una grande opportunità per tutti”. Durante la presentazione delle due nuove stazioni – che chiude simbolicamente la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile del capoluogo regionale – è stata infine ricordata la proroga, al 31 dicembre 2020, del periodo promozionale che permette l’acquisto di un abbonamento semestrale al prezzo simbolico di 3 euro. Inoltre, tutti i viaggi sotto la mezz’ora sono gratuiti.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Utenze

Canone Rai: come richiedere l'esenzione per l'anno 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento