rotate-mobile
Aumentano le segnalazioni / Barcola - Gretta

Avvistati due esemplari di granchio blu a Barcola

L'annuncio è stato dato dalla riserva marina di Miramare. Un altro esemplare avvistato a Muggia, nelle acque di Punta Grossa. Capace di produrre fino a due milioni di uova, la specie rappresenta un grave rischio per la biodiversità del nostro mare"

"Non siamo certo ai livelli della laguna di Venezia ma stanno aumentando anche lungo le nostre coste gli avvistamenti e le segnalazioni del famigerato granchio reale blu che rischia di rappresentare una grave minaccia anche per la biodiversità del nostro mare". L'annuncio arriva direttamente dalla riserva marina di Miramare dopo che negli ultimi giorni sono stati segnalati due esemplari a Barcola e uno nelle acque di Punta Grossa, a Muggia. "Proprio a Muggia - scrivono - i nostri ricercatori avevano avvistato l’estate scorsa il primo esemplare di granchio blu mai segnalato nella zona di Trieste". 

Le segnalazioni

"La prima segnalazione documentata in Italia è in realtà del 1949 ed è avvenuta proprio nella nostra regione, a Grado. Ed è di nuovo qui che si è rifatto vivo dopo moltissimi anni: nel 2015 un esemplare venne catturato vivo e consegnato da alcuni pescatori di Grado a Saul Ciriaco del nostro staff, per poi prendere la volta del Museo di Storia Naturale di Trieste. Oggi ormai, da Grado a Lignano, la sua presenza è documentata non solo da pescatori e subacquei ma dai resti degli esemplari morti che i nostri ricercatori, da due anni impegnati nella ricerca di tracce di nidificazione di tartaruga, stanno rinvenendo sulle spiagge delle isole litoranee, a riprova che in circolo c’è già un numero elevato di individui".

Fino a due milioni di uova

"Specie aliena altamente invasiva - continuano dalla riserva -, il granchio blu può contare su diversi “vantaggi evolutivi” che lo mettono in forte competizione con le specie locali: è un vorace predatore onnivoro (si ciba di pesci, crostacei e molluschi); è in grado di compiere lunghi spostamenti (da cui il nomignolo di “granchio nuotatore”); sopporta molto bene grandi e rapide variazioni di salinità e temperatura, motivo per cui si adatta perfettamente anche agli ambienti lagunari, dove la sua diffusione sta provocando i danni peggiori. Come se non bastasse si riproduce a tassi altissimi: una femmina di Callinectes è in grado di deporre fino a due milioni di uova. A facilitare la diffusione di Callinectes sapidus, infine, c’è il cambiamento climatico: l’aumento della temperatura media invernale gli sta infatti rendendo più facile acclimatarsi al nostro mare e moltiplicarsi nella quasi totale assenza di predatori. Se si esclude l’uomo, a cui ora è affidato il compito di contenerne la diffusione dopo averne provocato l’arrivo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avvistati due esemplari di granchio blu a Barcola

TriestePrima è in caricamento