menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di Alessandro Laporta

foto di Alessandro Laporta

Merlo acquaiolo nidifica in val Rosandra, scatta il divieto di arrampicata

La presenza è stata accertata dalla Forestale di Trieste il 17 maggio. Il comune di San Dorligo della Valle/Dolina ha ordinato il divieto di accesso, di arrampicata e di sorvolo di droni nell'area della cascata. L'ordinanza scade il 20 maggio

Il merlo acquaiolo ha nidificato in val Rosandra e automaticamente scatta l’ordinanza di divieto di arrampicata sulle pareti della celebre cascata. La notizia dell’osservazione di questa specie di particolare pregio è del 17 aprile scorso, quando la stazione forestale di Trieste ne ha accertato la presenza informando il comune di San Dorligo della Valle/Dolina che a sua volta ha diramato l’ordinanza. 

Fino a 10 metri dalla cascata

I divieti valgono anche per gli escursionisti che si spingono fino alla cascata del torrente Rosandra e che non potranno accedere nell’area di 10 metri intorno al perimetro della vasca sottostante. Inoltre, è interdetto anche il sorvolo di droni di qualsiasi tipologia, dimensioni e massa intorno all’area. Ai trasgressori verrà applicata una sanzione basata sull’articolo 39 della legge regionale 42 e che prevede una multa di circa 100 euro. L’ordinanza vale fino al 20 maggio, periodo in cui indicativamente dovrebbe terminare il periodo di nidificazione della specie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento