Merlo acquaiolo nidifica in val Rosandra, scatta il divieto di arrampicata

La presenza è stata accertata dalla Forestale di Trieste il 17 maggio. Il comune di San Dorligo della Valle/Dolina ha ordinato il divieto di accesso, di arrampicata e di sorvolo di droni nell'area della cascata. L'ordinanza scade il 20 maggio

foto di Alessandro Laporta

Il merlo acquaiolo ha nidificato in val Rosandra e automaticamente scatta l’ordinanza di divieto di arrampicata sulle pareti della celebre cascata. La notizia dell’osservazione di questa specie di particolare pregio è del 17 aprile scorso, quando la stazione forestale di Trieste ne ha accertato la presenza informando il comune di San Dorligo della Valle/Dolina che a sua volta ha diramato l’ordinanza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fino a 10 metri dalla cascata

I divieti valgono anche per gli escursionisti che si spingono fino alla cascata del torrente Rosandra e che non potranno accedere nell’area di 10 metri intorno al perimetro della vasca sottostante. Inoltre, è interdetto anche il sorvolo di droni di qualsiasi tipologia, dimensioni e massa intorno all’area. Ai trasgressori verrà applicata una sanzione basata sull’articolo 39 della legge regionale 42 e che prevede una multa di circa 100 euro. L’ordinanza vale fino al 20 maggio, periodo in cui indicativamente dovrebbe terminare il periodo di nidificazione della specie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fotografa i bambini e poi scappa su un’auto blu: la segnalazione parte dal Carso

  • Rifiuta le sue avances e lui le sputa addosso: sconcerto in piazza Libertà

  • Blitz di CasaPound in Consiglio sull'immigrazione, consigliere leghista: "Ai migranti sparerei"

  • Covid-19: quattro nuovi casi in Fvg, salgono i ricoverati in terapia intensiva

  • Un contagio a Trieste, sei in Fvg di cui cinque d'importazione

  • L'inferno di Beirut, parlano i libanesi di Trieste: "Una tragedia, il primo pensiero per parenti e amici"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento