rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Le critiche

Apertura di Bini sul nucleare, FdI al veleno: "Qualcuno ha scordato i referendum"

"Mi confronto con esperti ogni giorno - così Fabio Scoccimarro -, quando si parla di nucleare bisognerebbe farlo con le basi di confronto tecnico/scentifico"

"Sono molteplici le criticità legate alle attuali tecnologie nucleari: alto costo economico di produzione, smaltimento delle scorie radioattive, i tempi oltremodo lunghi di realizzazione delle centrali. Impossibile ancora garantire il rischio zero per la salute pubblica nel breve e nel lungo periodo". Così il coordinatore FVG di Fratelli d'Italia FVG Walter Rizzetto sul dibattito relativo gli investimenti nel nucleare e l'apertura espressa dall'assessore regionale Bini. "Probabilmente qualcuno, senza nessuna base tecnica o confronto, ha scordato ben due referendum celebrati nel nostro Paese e che hanno dato esito inequivocabile".

Anche l'assessore all'Ambiente Fabio Scoccimarro, che non ha mai nascosto le perplessità su Krško2, ribadisce la sua posizione: "Mi confronto con autorevoli esperti nazionali oltre che con i dirigenti, funzionari e professionisti della direzione regionale ogni giorno, in particolare riguardo il tema dell'energia e dello sviluppo sostenibile. Quando si parla di nucleare bisognerebbe farlo con le basi di confronto tecnico/scentifico perché esistono diverse criticità legate alle attuali tecnologie nucleari e il tema va discusso con cautela e ampia condivisione". I meloniani sottolineano poi come "l'emergenza climatica ci chiede di dimezzare le emissioni di Co2 entro dieci anni e non si capisce come il nucleare possa rappresentare uno strumento utile, se richiede decenni per sviluppare le nuove tipologie, tipo la 'IV generazione'".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apertura di Bini sul nucleare, FdI al veleno: "Qualcuno ha scordato i referendum"

TriestePrima è in caricamento