Green

Confartigianato Fvg e Crédit Agricole FriulAdria insieme per la transizione ecologica

Dopo l’accordo sottoscritto a livello nazionale, firmata oggi a Pordenone l’intesa regionale sulla cessione dei crediti fiscali per riqualificare il patrimonio immobiliare e ridare fiato a migliaia di piccole aziende del settore edilizio

Un vero e proprio patto per favorire la transizione ecologica del patrimonio immobiliare e il rilancio dell’economia regionale è stato siglato oggi a Pordenone dal presidente di Confartigianato Friuli Venezia Giulia Graziano Tilatti e dal direttore regionale di Credit Agricole FriulAdria Massimo Ritella. Lo strumento individuato è quello della cessione dei crediti fiscali legati al Superbonus 110% e agli ecoincentivi previsti dal Decreto Rilancio, un’opportunità importante per ridare fiato a migliaia di piccole aziende della filiera edilizia, ma anche un’occasione imperdibile per riqualificare e rendere più efficienti gli edifici della regione.

Per privati e per aziende

Nell’ambito dell’accordo, Confartigianato mette al servizio dell’utenza la propria ultradecennale esperienza in termini di consulenza, con appositi servizi di supporto sotto il profilo fiscale e di gestione del processo complessivo. Crédit Agricole FriulAdria, dal canto suo, apporterà il proprio know how in termini di processo ormai rodato nella cessione dei crediti fiscali e nell’eventuale concessione di credito correlata allo sviluppo del cantiere dal quale i crediti fiscali scaturiranno. L’iniziativa è stata pensata per i privati e per le aziende che vorranno avvalersi dei servizi complementari previsti. In particolare, per la parte aziende, Confidimprese FVG, Consorzio Fidi di emanazione Confartigianato, favorirà l’eventuale concessione di finanziamenti di cantiere con una specifica garanzia.

L'accordo

L’accordo siglato a livello regionale integra e completa l’intesa raggiunta a livello nazionale da Crédit Agricole Italia con Confartigianato Imprese che ha messo a disposizione delle aziende associate soluzioni finanziarie innovative per gli interventi previsti dai meccanismi del Superbonus 110% e dagli altri incentivi fiscali introdotti dal Decreto Rilancio. Per effetto dell’accordo nazionale, la Banca potrà acquisire direttamente i crediti maturati dagli associati a Confartigianato Imprese a condizioni dedicate e con percorso preferenziale.

“Crédit Agricole FriulAdria è l’interlocutore nel mondo del credito che ha consentito di completare la rete sinergica di cui Confartigianato Fvg si è fatto promotore, mettendo in relazione imprese, tecnici e banche per far decollare l’importante opportunità rappresentata dal Superbonus 110% - ha affermato il presidente di Confartigianato Fvg, Graziano Tilatti, presente alla firma insieme al vice presidente regionale e presidente di Confartigianato Pordenone, Silvano Pascolo - Per non vanificare questo impegno corale, ora è fondamentale che lo Stato nel prossimo decreto ristori semplifichi l’iter burocratico connesso a questa misura”.

“L’accordo con Confartigianato Imprese è per noi un tassello fondamentale per raggiungere le piccole e medie imprese che costituiscono la spina dorsale del sistema economico italiano – ha dichiarato Massimo Ritella, direttore regionale di Crédit Agricole FriulAdria – Il nostro intento è supportarle nella ripresa in chiave green, affiancandoci alle opportunità messe a disposizione dallo Stato e impegnandoci nella loro concreta realizzazione, confermando così il nostro ruolo come volano per l’economia reale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confartigianato Fvg e Crédit Agricole FriulAdria insieme per la transizione ecologica

TriestePrima è in caricamento