rotate-mobile
Anziani

Anziani alla guida, limiti e consigli per una maggiore sicurezza stradale

Con l'avanzare dell'età peggiorano le prestazioni psicofisiche e si modificano le percezioni sensoriali. Tutto ciò influisce negativamente anche sulla guida. Ma quali sono i limiti e le regole da rispettare? Scopriamo cosa dice il Codice della Strada

Da non molto tempo, il Ministero dei Trasporti ha mostrato come ci sia stata una preoccupante tendenza all’aumento degli incidenti stradali che coinvolgono gli anziani. È risaputo, con l'avanzare dell'età peggiorano le prestazioni psicofisiche e si modificano le percezioni sensoriali. Diminuiscono le capacità visive e uditive, diventa più complicato compiere determinati movimenti e così via. Tutto ciò, ovviamente, influisce negativamente anche sulla guida.

Guidare in sicurezza

Quando si guida un'auto in età avanzata, bisogna prestare molta, anzi maggiore attenzione per la propria incolumità e quella degli altri. Ecco, a questo proposito, alcuni consigli per guidare in sicurezza:

  • sottoporsi una volta all'anno a una visita medica di controllo e a un esame della vista;

  • informarsi sugli effetti di certi medicinali sulla guida;

  • meglio non guidare se non ci si sente bene;

  • guidare di giorno ed evitare le ore di punta;

  • non avere fretta di arrivare e fare più soste durante il viaggio;

  • fare attenzione quando si svolta a sinistra, si supera o si cambia corsia;

  • mantenere una distanza sufficiente dall'auto che ci precede.

Cosa dice il Codice della Strada

Ma quali sono i limiti e le regole da rispettare? Il Codice della Strada ci dice che per la guida di camion con patente C e di autobus con patente D, il limite è di 68 anni, con attestazione annuale della Commissione Medica Locale (Cml). Invece, per la guida di veicoli con patenti A, B, C, E e Cigc (Certificato di Idoneità Guida Ciclomotore), esistono due possibilità:

  • con certificato normale valido 3 anni la guida è permessa fino a 80 anni;

  • con certificato speciale della Cml, valido 2 anni, è permessa fino a 82 anni e oltre.

In Italia i limiti di rinnovo della patente B variano in base all’età dei conducenti. Le norme che regolano i rinnovi, in generale, prevedono che con l’avanzare dell’età la scadenza della patente si faccia sempre più ravvicinata. Tali provvedimenti sono ritenuti necessari al fine di aumentare la sicurezza stradale, tenendo sotto controllo i conducenti più anziani che sono soggetti a un maggior rischio stradale. Dopo gli 80 anni deve essere la Commissione Medica Locale a decidere le sorti dell’anziano come conducente di autovetture. In caso di particolari patologie o in presenza di soglie di rischio troppo elevate, il permesso di condurre un veicolo verrà revocato.

Scadenze

Per tutti coloro che si trovano sotto i 50 anni di età la patente va rinnovata ogni 10 anni. Ecco invece la situazione per gli over 50:

  • tra i 50 e i 70 anni di età il rinnovo è ogni 5 anni;

  • tra i 70 e gli 80 anni il rinnovo è da farsi ogni 3 anni;

  • oltre gli 80 anni di età il rinnovo si fa ogni 2 anni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziani alla guida, limiti e consigli per una maggiore sicurezza stradale

TriestePrima è in caricamento