menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sport bonus: cos'è e come funziona

Lo Sport bonus è un credito d'imposta che concede delle detrazioni fiscali su erogazione liberale a favore della manutenzione, il restauro e la realizzazione di nuovi impianti sportivi pubblici. Ecco come funziona nel dettaglio

Lo Sport bonus è un credito d'imposta (norma di riferimento Legge di Bilancio 2020) che concede delle detrazioni fiscali a chi effettua donazioni a favore di impianti sportivi pubblici per la loro manutenzionerestauro e per la realizzazione di nuovi impianti

Detrazione e normativa 

La detrazione ammonta al 65% su ogni donazione effettuata, ed è utilizzabile in tre quote annuali di pari importo. La normativa relativa allo Sport bonus non è comunque una novità, essa parte dalla legge 205/2017 ma oggi, con il rinnovo, la Legge di Bilancio 2020 ha introdotto alcune novità estendendo l'agevolazione - oltre che alla società sportive dilettantistiche - anche alle associazioni sportive dilettantistiche e agli enti di promozione sportiva.

Chi può beneficiarne?

Possono richiedere lo Sport bonus le persone fisiche; gli Enti non commerciali e le Imprese.

Come fare domanda?

Per quanto riguarda la domanda, bisogna inviarla all’Ufficio per lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Sul sito troverai anche la modulistica di accesso al credito, nella sezione Bandi, Avvisi e Contributi, sezione Sport Bonus. Ricordiamo che è predisposta una modulistica diversa per ogni tipo di richiedente.

Documenti necessari

Al modulo di domanda occorre allegare dei documenti specifici:

  • Persone fisiche: copia del documento di identità; copia del codice fiscale; dichiarazione in carta libera del soggetto beneficiario che conferma l'intenzione di accettare la tua donazione, l’importo e il tipo di lavoro a cui intende destinarlo.

  • Enti non commerciali: copia del documento di identità; copia dell’atto costitutivo dell’ente; dichiarazione in carta libera del soggetto beneficiario che conferma l'intenzione di accettare la tua donazione, l’importo e il tipo di lavoro a cui intende destinarlo.

  • Imprese: copia del documento di identità; visura camerale dell’impresa; dichiarazione in carta libera del soggetto beneficiario che conferma l'intenzione di accettare la tua donazione, l’importo e il tipo di lavoro a cui intende destinarlo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento