Patent Box: cos’è e come funziona

Il Patent box consente a tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa la parziale detassazione dei proventi derivanti dallo sfruttamento di determinati beni immateriali. Scopriamo nel dettaglio cos'è e come funziona

Come spiegato sul sito dell'Angenzia delle Entrate, il Patent box è un regime opzionale di tassazione agevolata per i redditi derivanti dall’utilizzo di software protetti da copyright, di brevetti industriali, di marchi d’impresa, di disegni e modelli, nonché di processi, formule e informazioni relativi a esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico giuridicamente tutelabili.

A cosa serve?

Il Patent box consente a tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa, indipendentemente dalla natura giuridica e dalla dimensione e dal settore produttivo di appartenenza, la parziale detassazione dei proventi derivanti dallo sfruttamento di questi beni immateriali. Tale regime ha l’obiettivo di rendere il mercato italiano più attrattivo per gli investimenti nazionali ed esteri di lungo termine, tutelando allo stesso tempo la base imponibile italiana.

Come funziona?

Come ci spiega il Ministero dello sviluppo economico, l’opzione deve essere esercitata nella dichiarazione dei redditi relativa al primo periodo d’imposta per il quale si intende optare per la stessa. Inoltre, essa è valida per cinque periodi di imposta, è irrevocabile e rinnovabile. Con l’entrata in vigore dell’articolo 4 del decreto legge 30 aprile 2019, n. 34, sono state introdotte misure per la semplificazione delle procedure di fruizione del Patent box con le quali i beneficiari dell’agevolazione possano ora scegliere, in alternativa alla procedura preventiva per un accordo in contradditorio con l’Agenzia delle Entrate, di determinare e dichiarare direttamente il reddito agevolabile rimandando il relativo confronto con l’amministrazione finanziaria alla successiva fase di controllo.

Condizioni

La condizione necessaria per usufruire di questa agevolazione, è che i soggetti riportino le informazioni necessarie alla determinazione del reddito agevolabile in una documentazione idonea e diano comunicazione del possesso nella dichiarazione relativa al periodo d'imposta per il quale si beneficia dell'agevolazione.

Le agevolazioni

Attraverso l’esercizio di tale regime di tassazione, le imprese che svolgono attività di ricerca e sviluppo possono escludere dalla base imponibile il 50% dei redditi derivanti dall’utilizzo di determinati beni immateriali o dalla cessione degli stessi beni immateriali qualora il 90% del “ricavato” venga reinvestito nella manutenzione o nello sviluppo di altri beni immateriali prima della chiusura del secondo periodo di imposta successivo a quello nel quale si è verificata la vendita.

Il metodo di calcolo

Per la quantificazione del reddito agevolabile è stato utilizzato il metodo della ripartizione degli utili (tecnicamente Residual profit split), che permette di isolare il reddito attribuibile alle funzioni "routinarie" dal risultato economico d'impresa, consentendo la determinazione dell'utile o della perdita residua derivante dall'utilizzo dei beni intangibili. L'accordo è efficace e produce effetto dal periodo di imposta in cui è stata presenta l'istanza di adesione al regime e per i quattro periodi di imposta successivi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione da domenica in Friuli Venezia Giulia

  • Fvg in zona gialla fino a venerdì poi la stretta: possibili nuovi parametri, rischio rosso

  • Calci e pugni in faccia a una 13enne, la madre: "Sta malissimo"

  • Cadono in moto in galleria San Vito: grave il passeggero

  • Il Gambero Rosso premia le migliori pasticcerie d'Italia, quattro sono a Trieste

  • Possibile stato d'emergenza fino ad aprile, e intanto il Fvg rischia la zona rossa

Torna su
TriestePrima è in caricamento