La Fondazione CRTrieste promuove il ''Bando contrasto alla povertà e fragilità sociale''

Scadenza ore 12.00 del 31 maggio 2019, tutte le informazioni utili per potervi partecipare sul sito www.fondazionecrtrieste.it nella sezione bandi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

La Fondazione CRTrieste promuove il “Bando contrasto alla povertà e fragilità sociale 2019”. Il Bando, giunto alla sua seconda edizione, nasce per sostenere la realizzazione di interventi e misure di contrasto alle povertà, alle fragilità sociali e al disagio giovanile, di tutela dell’infanzia, di cura e assistenza agli anziani e ai disabili, di inclusione socio lavorativa e integrazione degli immigrati. Il Bando, che ha un budget complessivo di 400 mila euro, è rivolto a enti del terzo settore operanti nel territorio dell’originaria provincia di Trieste - organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale, enti filantropici, imprese sociali, incluse le cooperative sociali, reti associative, società di mutuo soccorso, associazioni, fondazioni e altri enti di carattere privato, senza scopo di lucro, e con finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale iscritti nei registri di settore – che intendono realizzare interventi da avviare successivamente alla comunicazione dell'esito del bando e la cui conclusione avvenga entro il 31.12.2020. Gli interessati potranno candidare al Bando una sola richiesta, redatta sull'apposito modello reperibile al sito www.fondazionecrtrieste.it nella sezione bandi, corredata di tutti i documenti richiesti e controfirmata dal legale rappresentante del soggetto proponente, presentandola a mano, a mezzo posta ordinaria o via posta elettronica certificata all'indirizzo info@cert.fondazionecrtrieste.it entro le ore 12.00 del 31 maggio 2019. L'esito della selezione sarà comunicato tramite il sito web della Fondazione stessa e, in forma scritta, a ciascuno dei richiedenti. Trieste, 28 febbraio 2019

Torna su
TriestePrima è in caricamento