TriestePrima

"Basta con gli aggiornamenti quotidiani", l'epidemiologo Zorzut contro il bollettino regionale

Secondo il professionista triestino "Il susseguirsi quotidiano di dati e numeri scollegati da un quadro complessivo, non serve ad altro che a mantenere uno stato di allerta permanente"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

La fase critica e drammatica dell'emergenza, in Italia, è finita a giugno, sebbene nelle ultime nove settimane la curva dell'epidemia abbia fatto segnare un numero crescente di contagi. L'equazione è semplice: più tamponi, più positivi. Maggiore è l'attività di screening e contact tracing per l'accurato e mirato tracciamento dei singoli casi e maggiore sarà il numero dei positivi intercettati. Questo fa parte della normale attività di vigilanza delle Strutture di Igiene e Sanità Pubblica.

Ciò detto i bollettini sulla diffusione dei dati sul monitoraggio delle epidemie negli ultimi 50 anni è avvenuta sempre su base settimanale o mensile. Basta visitare il portale InfluNet - dove il Ministero comunica l'andamento dei contagi influenzali - per rendersene conto. Così dovrebbe accadere con il Covid 19, si eviterebbero imbarazzanti variabilità quotidiane, spesso collegate alle giornate festive che sono caratterizzate da un minor numero di tamponi effettuati e processati.

La stabilità dei dati ne guadagnerebbe e ci sarebbe una maggiore attendibilità senza ricorrere alla “prosa” (oggi meglio di ieri, balzo dei ricoveri, la curva oggi cala, i decessi sono in aumento, ecc). Il susseguirsi quotidiano, tramite i media, di dati e numeri scollegati da un quadro complessivo, non servono ad altro che a mantenere uno stato di allerta permanente che a gioco lungo ha determinato solo una assuefazione nell'opinione pubblica, che, associata a fastidio ed insofferenza porta a sottovalutare i problemi reali della pandemia e riduce lo spirito di collaborazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Basta con gli aggiornamenti quotidiani", l'epidemiologo Zorzut contro il bollettino regionale

TriestePrima è in caricamento