rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
TriestePrima

“Mattador workshop”, al via il 7° premio internazionale per la sceneggiatura

Durante la settimana di formazione dal 13 al 18 ottobre 2015 si svolgeranno gli workshop per i vincitori della 6a edizione del Premio Mattador curati da Andrea Magnani, per le sezioni soggetto e sceneggiatura; da Daniele Auber, per la sezione Dolly; da Giulio Kirchmayr per cortometraggio Corto86, e da Gianluca Novel, responsabile Friuli Venezia Giulia Film Commission. Due importanti appuntamenti pubblici: giovedì 15 ottobre 2015 ore 19.00 (Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori Trieste, Via Filzi 14) Lecture di Daniele Auber Visualizzare l'impossibile. Il processo creativo dalla sceneggiatura allo schermo; sabato 17 ottobre 2015 ore 16.30 (Libreria Minerva Trieste, Via San Nicolò 20): presentazione del quarto volume Scrivere le immagini. Quaderni di Sceneggiatura (EUT/Mattador) a cura di Fabrizio Borin e Mauro Rossi; e Lecture di Maurizio Careddu e Vinicio Canton Serial Killer - Come costruire una serie tv.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Dopo la presentazione a Roma della settima edizione di Mattador, si apre a Trieste il “Mattador Workshop”, la settimana di formazione che è il tratto distintivo del Premio per futuri sceneggiatori. Dal 13 al 18 ottobre i vincitori della sesta edizione si confronteranno con i tutor per sviluppare i loro progetti.
Questi i nomi dei giovani autori Giacomo Caceffo, ventitreenne di Schio (VI) con Consigli pre-appuntamento dal futuro è il vincitore della sezione CORTO86 dedicata alla sceneggiatura per cortometraggio. Claudia De Angelis, ventitreenne di Caserta con King of the road, Camilla Buizza, venticinquenne di Brescia con Parla in silenzio, e Sara Cavosi, ventiseienne di Roma assieme a Fabio Marson, ventinovenne di Trieste e residente a Roma con L’amor fu sono i vincitori della borsa di formazione Mattador al miglior soggetto. Chiara Ionta, ventitreenne di Roma con Noa Noa, e Pedro Dias, diciannovenne nato in Brasile e residente a Trieste con Doppelgänger sono i vincitori della nuova borsa di formazione Dolly “Illustrare storie per il cinema”.
Gli workshop sono tenuti da Andrea Magnani, sceneggiatore e produttore, per le sezioni soggetto e sceneggiatura. Da Daniele Auber, concept designer, per la sezione Dolly dedicata alle storie raccontate per immagini. Da Giulio Kirchmayr, regista, per la sezione sceneggiatura per cortometraggio Corto86 e da Gianluca Novel, responsabile Friuli Venezia Giulia Film Commission, che illustrerà il tema Sceneggiatura e Location Scouting. Gli incontri si svolgeranno da Fantastificio e da Comunicarte – Spazio Mattador e Zimmer Frei.

Parte integrante di “Mattador Workshop” sono i due appuntamenti aperti a tutti, studenti e grande pubblico. Il primo avverrà giovedì 15 ottobre alle ore 19.00 nell’Aula Magna della Scuola Superiore Lingue Moderne Interpreti Traduttori dell’Università di Trieste con la lecture intitolata Visualizzare l’impossibile. Il processo creativo dalla sceneggiatura allo schermo a cura di Daniele Auber, vincitore dell’Emmy Award, collaborazioni con Terry Gilliam, Luc Besson, Wes Craven, Dario Argento, i Wachowski.
Il secondo si terrà sabato 17 ottobre alle ore 16.30 alla Libreria Minerva con la presentazione del quarto volume della collana Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura (EUT/Mattador) a cura di Fabrizio Borin, docente di Storia del Cinema all’Università Ca’ Foscari e direttore della collana, e di Mauro Rossi, direttore di Edizioni Università di Trieste. A seguire si svolgerà la lecture di Maurizio Careddu e Vinicio Canton, sceneggiatori e tutor di Mattador, intitolata Serial Killer – Come costruire una serie tv. Uno spazio sarà dedicato alle immagini di backstage delle riprese del quinto cortometraggio prodotto da Mattador Consigli pre-appuntamento dal futuro di Giacomo Caceffo. Gli incontri saranno introdotti da Pietro Caenazzo, presidente Associazione Culturale Mattador, e coordinati dal giornalista Pierluigi Sabatti.

Mattador è dedicato a Matteo Caenazzo, giovane studente del Liceo Artistico Nordio di Trieste, formatosi successivamente in tecniche artistiche e dello spettacolo a Ca’ Foscari, scomparso prematuramente nel giugno del 2009. Il Premio, nato dal pensiero e dalle passioni di Matteo, ha l’obiettivo di far emergere e valorizzare nuovi talenti dai 16 ai 30 anni. L’iniziativa possiede una caratteristica che la distingue da tutte le altre del settore: offrire ai giovani selezionati la possibilità di sviluppare i loro progetti insieme a tutor professionisti.
Sono così aperte le iscrizioni alla settima edizione del Premio, bando 2015/2016, che conferma le modalità delle precedenti edizioni: 5.000 euro alla migliore sceneggiatura, 1.500 euro al migliore soggetto, ma soprattutto i percorsi formativi. I finalisti per il miglior soggetto si confrontano con sceneggiatori professionisti che insegnano a sviluppare l’idea e la struttura narrativa dei loro lavori. Analogo percorso per i vincitori della nuova sezione Dolly “Illustrare storie per il cinema” che vengono affiancati da concept designer nello sviluppo narrativo della loro storia raccontata per immagini. Infine il vincitore di Corto86 realizza, con il supporto di tutor e troupe tecnica durante tutte le fasi del processo produttivo, il suo cortometraggio di cui può firmare anche la regia. Il progetto Corto86 è realizzato in coproduzione con Fantastificio Film Production, Pianeta Zero, Pilgrim Film e con il supporto tecnico di Friuli Venezia Giulia Film Commission.
L’iniziativa è resa possibile – oltre al nuovo riconoscimento del MIBACT Direzione Generale per il Cinema – grazie al contributo di Regione Friuli Venezia Giulia, Turismo FVG, Regione del Veneto, Comune di Trieste, Fondazione CRTrieste, Provincia di Trieste, Fondazione Casali di Trieste, a donazioni private e quote associative.
Maggiori informazioni e i nuovi regolamenti sono visibili sul sito www.premiomattador.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Mattador workshop”, al via il 7° premio internazionale per la sceneggiatura

TriestePrima è in caricamento