Emoji Jacket: la giacca intelligente per la sicurezza stradale

Un simpatico giubbotto che riproduce sulla sua parte posteriore emoji e segnali luminosi: ecco cos'è Emoji Jacket. Un accessorio lanciato da un paio di mesi da Ford per tutelare i ciclisti e aumentare la sicurezza stradale

Un accessorio lanciato da un paio di mesi da Ford per tutelare i ciclisti: stiamo parlando dell' "Emoji Jacket", uno strumento particolare attraverso il quale è possibile comunicare con gli automobilisti e aumentare, così, la propria sicurezza su strada. Scopriamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Cos'è Emoji Jacket

Un simpatico giubbotto che riproduce sulla sua parte posteriore emoji e segnali luminosi: ecco cos'è Emoji Jacket. Questo avviene grazie ad uno schienale led che può riprodurre una faccina che ride, una faccina triste, una freccia direzionale o un segnale di pericolo. Tutte immagini gestibili tramite un telecomando wireless montato sul manubrio della bicicletta. Ancora sottoforma di prototipo, il giubbotto luminoso per ciclisti nasce grazie alla campagna "Share The Road" di Ford, e la collaborazione con Designworks.

Obiettivi

L’idea è quella di migliorare la comunicazione tra ciclisti e automobilisti. I dati diffusi dal Traffic Safety Basic Facts della commissione Europea dicono che, ogni anno, sono circa 2000 i ciclisti che perdono la vita sulle strade europee. L’Emoji Jacket, sottolinea Ford, è stata pensata proprio per allentare le tensioni tra chi guida l’auto e chi viaggia sulla bicicletta, evitando, così, eventuali incidenti. Grazie all’innovativa giacca, infatti, i ciclisti potranno mostrare più facilmente ciò che hanno intenzione di fare e, perché no, anche le loro emozioni in sella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento