Rc auto e moto: una nuova impennata dei prezzi dopo le riduzioni di aprile

Dopo i minimi registrati ad aprile a causa dell'emergenza sanitaria e di tutte le conseguenze ad essa annesse, cominciano a risalire i prezzi delle RC auto e moto. A rilevarlo è l'osservatorio assicurativo di Segugio.it

Dopo i minimi registrati ad aprile, cominciano a risalire i prezzi delle RC auto e moto, anche se restano comunque più bassi rispetto a quelli registrati a fine 2019.  A rilevarlo è l'osservatorio assicurativo di Segugio.it, leader nel settore della comparazione assicurativa in Italia, che ogni mese fotografa centinaia di migliaia di preventivi.

Le riduzioni

Nel dettaglio, il premio RC auto medio lordo era calato dai 415 euro registrati alla fine dello scorso anno a 344 euro, registrando un -17%. Per le moto si era scesi addirittura da 344 euro a 240 euro, con un -30%. Una riduzione a favore dei consumatori senza precedenti, motivata senz'altro dal crollo del traffico, e conseguentemente dei sinistri, e soprattutto dal timore delle compagnie assicurative di perdere milioni di clienti a causa dell’emergenza sanitaria.

La situazione attuale

A maggio, però, con l’allentamento del lockdown e il progressivo ritorno ad una situazione di normalità, i prezzi hanno cominciato a mostrare i primi segnali di ripresa: +11% per l’RC auto e +9% per l’RC moto, sia pure mantenendo ancora livelli più bassi rispetto al 2019, soprattutto per le due ruote. Il premio medio RC auto a maggio 2020 è stato infatti pari a 384 euro e a 262 euro per le moto. 

Come commenta Anzaghi, vicepresidente di Segugio.it: "è importante che i consumatori colagano questa finestra di mercato. Chi ha una polizza in scadenza da qui a inizio agosto 2020 dovrebbe effettuare e salvare un preventivo al più presto, impegnando in questo modo la Compagnia di Assicurazione prescelta a mantenere bloccato il prezzo fino alla data di decorrenza, in quanto, una volta salvato, una Compagnia ha l’obbligo di "congelarlo" per 60 giorni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

  • Si accascia al suolo in via delle Torri: cinquantenne a Cattinara

  • Diciassettenne scomparsa da giorni in Carso, l'appello della polizia slovena

  • Malasanità: bimba morta in ospedale, Trieste sede neutrale dell'incidente probatorio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento