Scuole guida: le regole fornite dal Ministero per gli esami pratici e teorici

Con la recente riapertura delle scuole guida, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha fornito le nuove norme di comportamento obbligatorie per garantire la massima sicurezza a tutela della salute di lavoratori e cittadini. Ecco le linee guida

Con la recente riapertura delle scuole guida (18 maggio 2020), il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha fornito le nuove norme di comportamento obbligatorie per garantire la massima sicurezza a tutela della salute di lavoratori e cittadini. Inoltre, il Ministero ha anche annunciato la riapertura degli uffici della Motorizzazione Civile al fine di svolgere gli esami teorici, chiaramente rispettando le regole previste. Ecco le linee guida.

Come si svolgeranno gli esami di teoria

Oltre all’obbligo di indossare i dispositivi di protezione e a rispettare le regole di comportamento, candidati ed esaminatori saranno tenuti a seguire una serie di norme stabilite:

  • limitare l’accesso in aula dei candidati per ciascun turno di esame: le misure da rispettare saranno 4mq/persona. 

  • Dove possibile, sarà necessario installare le barriere parafiato in plexiglass sui tre lati della postazione: in questo caso, il rapporto mq/persona scenderebbe da 4 a 3.

  • Tra un turno d’esame e l’altro, sarà obbligatorio organizzare operazioni di igienizzazione di barriere parafiato, banchi, monitor, maniglie e bagni.

  • I percorsi d’ingresso e uscita dall’aula dovranno essere differenti.

  • Per le strutture con più aule d’esame sarà necessario alternare gli ingressi al fine di evitare assembramenti durante le attese.

  • L’esito dell’esame, insieme alla scheda compilata e corretta, potrà essere consegnato solo in via telematica. Nel caso in cui il candidato abbia preso parte all’esame tramite autoscuola, sarà quest’ultima a ricevere l’esito; diversamente, per l’esame in via privata, il candidato riceverà tutto sul proprio indirizzo mail personale.

  • Al fine di limitare il più possibile la permanenza in aula, il portale dell’automobilista renderà accessibile in home page il video di autoistruzione da proiettare prima dell’esame. I candidati saranno tenuti a visionarlo presso l’autoscuola, mentre chi svolgerà l’esame per via privata dovrà guardare il video in maniera autonoma.

Come si svolgeranno gli esami di guida

Per le patenti di categoria A e D sarà necessario indossare semplicemente i DPI durante lo svolgimento dell’esame. Nel primo caso per via della mancata presenza a bordo dell’accompagnatore/esaminatore, nel secondo per via delle dimensioni dell’abitacolo. Diverso invece il discorso per i partecipanti all’esame per la patente B, dove la presenza presenza all’interno dell’abitacolo è prevista nel numero di tre persone (candidato, istruttore, esaminatore). Stabilito dal Comitato Tecnico Scientifico della Protezione Civile, il regolamento prevede che - oltre all’obbligo per tutti di indossare i DPI - la durata del percorso dell’esame non deve superare i 15 minuti, al termine dei quali sarà necessario provvedere al ricambio dell’aria oltre che alla sanificazione dell’abitacolo. Per l’esame della patente di categoria C potranno essere applicate le stesse previste per la categoria B nel caso in cui la cabina del mezzo utilizzato sia a doppia fila di posti o di tipo “allungata”. Se la cabina del mezzo adoperato dovesse invece essere di tipo “corta”, le misure da adottare potranno essere le stesse previste per la patente di categoria A. L’esaminatore dovrà seguire a bordo di un’altra auto e darà le indicazioni all’istruttore accompagnatore (che sarà a bordo del mezzo insieme al candidato) attraverso un sistema Walkie Talkie su frequenza civile. Concludiamo con la patente di categoria E, dove le norme da seguire dovranno essere le stesse adottate per la categoria del veicolo trattore. 

Ricordiamo, infine, che la ripresa dell’operatività deve essere effettuata nel rispetto delle Linee guida regionali, per maggiori informazioni clicca qui. Oppure leggi le linee guida del Friuli Venezia Giulia al seguente link (Scuole Guida, punto 12).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

  • Si accascia al suolo in via delle Torri: cinquantenne a Cattinara

  • Diciassettenne scomparsa da giorni in Carso, l'appello della polizia slovena

  • Malasanità: bimba morta in ospedale, Trieste sede neutrale dell'incidente probatorio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento