Manovra, in arrivo possibile stangata sui carburanti

Brutte notizie per i guidatori, dal 2021 è prevista una stangata su benzina e diesel. È questa una tra le tante novità emersa dalle coperture di un emendamento alla legge di bilancio. La modifica alla clausola di salvaguardia sulle accise implicherà maggiori entrate

Brutte notizie per i guidatori, dal 2021 è previsto il rischio di una possibile stangata su benzina e diesel. È questa la novità che emerge dalle coperture di un emendamento alla legge di bilancio. Tra le tante novità, il Governo, nell'emendamento unico che è stato presentato alla manovra in commissione Bilancio al Senato, ha rivisto gli aumenti delle accise sui carburanti. La modifica alla clausola di salvaguardia sulle accise implica maggiori entrate per 868 milioni di euro per il 2021; 732 milioni per il 2022; 1,522 miliardi di euro nel 2023 e 1,243 miliardi di euro nel 2024. Inoltre, la proposta di modifica per quanto riguarda le accise sul gasolio commerciale stabilisce “che i veicoli di classe euro 3 siano esclusi dal beneficio fiscale della riduzione dell’accisa sul gasolio per autotrazione utilizzato in alcune tipologie di automezzi per il trasporto di merci e passeggeri, a decorrere dal primo luglio 2020”.

Ires

Ma le novità non sono finite qui, cambia anche l’Ires per i concessionari pubblici  nei periodi di imposta che vanno dal 2019 al 2021, in poche parole, invece del 2%, l'Ires sarà pari al 3%. Questo aumento, che sarà tra l'altro retroattivo, produrrà nelle casse 647,1 milioni nel 2020 e 369,8 milioni l’anno nel 2021 e nel 2022. 

Auto Aziendali

Novità anche per quanto riguarda le auto aziendali, il fringe benefit cala al 25% sulle auto aziendali, i ciclomotori e i motocicli con emissioni CO2 inferiori a 60 g/km; al 30% su quelle superiori a 60 g/km e inferiori a 160 g/km. Invece, per i veicoli con emissioni inquinanti superiori a 160 g/km e inferiori a 190 g/km la percentuale sarà del 40% nel 2020 e salirà al 50% dal 2021. Invece, per tutte le auto superiori a 190 g/km è prevista una percentuale del 50% per il 2020 e del 60% dal 2021.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Coronavirus: un caso sospetto a Monfalcone, ma il test è negativo

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

Torna su
TriestePrima è in caricamento